Assolti in appello gli ex consiglieri comunali Sauta e Caliò, erano stati condannati al processo sugli oneri riflessi

La Corte di Secondo Grado ha ribaltato la prima decisione dei giudici, assoluzione anche per Marco Arcidiacono responsabile delle buste paga all'ente di Formazione Aram

Tanino Caliò ed Elio Sauta

Assolti perché il fatto non sussiste in appello gli ex consiglieri comunali Tanino Caliò ed Elio Sauta insieme a Marco Arcidiacono, responsabile delle buste paga all'ente di formazione professionale Aram. Il processo è quello sugli oneri riflessi percepiti dagli esponenti politici che si assentavano dal posto di lavoro per svolgere l'attività a Palazzo Zanca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 12 luglio 2019 Caliò e Sauta erano stati condannati in primo grado. La Corte è stata presieduta da Francesco Tripodi, consiglieri Carmelo Biatti e Bruno Sagone. Caliò è stato difeso dagli avvocati Salvatore Papa e Nicola Giacobbe, Sauta dal legale Alberto Gullino, Arcidiacono da Anna Maria Lombardo. Il processo scaturiva dalle indagini avviate dopo numerosi esposti relativi alla percezione dei contributi previsti dall'articolo 20 della legge regionale 30 del 2000 "permessi e licenze" che disciplina i rimborsi che spettano ai dipendenti pubblici e privati componenti dei consigli comunali. "Gli oneri per i permessi retribuiti sono a carico dell'ente presso il quale i lavoratori dipendenti esercitano le funzioni pubbliche". Gli appelli sono stati dichiarati fondati dalla Corte che ha scritto: "La presente vicenda processuale appare, a giudizio di questa Corte, piuttosto bizzarra, non si comprende perché l'accusa abbia ipotizzato che il Comune fosse la parte danneggiata se in realtà non veniva neppure prospettato che i rimborsi non erano dovuti". Caliò e Sauta si dicono innocenti sugli oneri riflessi. In primo grado secondo il giudice Fabio Pagana Caliò e Sauta furono responsabili di aver percepito le somme degli oneri riflessi utilizzando gli artifizi del falso e della truffa ai danni dell'ente pubblico. La condanna di Sauta fu di due anni e sei mesi più seicento euro di multa, Caliò un anno e quattro mesi e 500 euro di multa; entrambi dipendenti dell'ente di formazione professionale Aram che vedeva a capo Sauta. Condannato anche l'ultimo responsabile legale dell'Aram nell'emissione delle buste paga Marco Arcidiacono a un anno e otto mesi più settecento euro di multa. Era stato già assolto invece l'ex responsabile dell'Aram Nicola Bartolone che prima di subentrare ad Arcidiacono emetteva le buste paga. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brigata Aosta nello sconforto per la morte del militare, indagini a tutto campo a Capo d'Orlando

  • Tragedia sfiorata in via Jaci, soccorso un uomo che ha tentato il suicidio

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: otto a Messina

  • Omicidio o suicidio a Capo d'Orlando? Muore 48enne messinese con un coltello in corpo: vana la corsa in ospedale

  • Roccalumera piange Angelica, sconfitta dal tumore a soli 18 anni

  • Nuovo ricovero per coronavirus al Policlinico, una cinquantenne in arrivo da Patti: due impiegati in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento