Proiettili, caricatori e bossoli: deferito 53enne di Cesarò

I militari dell'Arma hanno passato a setaccio abitazioni rurali nel comune sui Nebrodi, denunce alla procura di Patti

Le munizioni sequestrate dai carabinieri

I carabinieri della Stazione di Cesarò, sostenuti dai Carabinieri dello Squadrone Eliportato “Cacciatori di Sicilia” e dai Carabinieri del Nucleo Cinofili di Nicolosi hanno eseguito alcune perquisizioni locali nelle zone rurali, denunciando in stato di libertà 8 persone. I militari a Cesarò hanno sottoposto a perquisizione personale e domiciliare un 53enne, rinvenendo, occultati all'interno di una scatola in ferro 147 proiettili cal. 7,65 Nato, 36 proiettili da guerra cal. 6,5, 4 bossoli cal. 12,7 e 6 caricatori, illegalmente detenuti dal 53enne, che è stato deferito alla Procura di Patti il reato di detenzione abusiva di munizionamento da guerra, i proiettili sono stati sequestrati. Nell’abitazione di un 30enne di Cesarò, i carabinieri hanno scoperto, all'interno di un camera adibita a serra, ricavata da una doppia parete in cartongesso, dalla quale era possibile accedervi attraverso una porta occultata dietro un armadio in legno, dotata di impianto di termo ventilazione automatico con lampade alogene, misuratori dell’umidità e dell'alcalinità del terreno e prodotti fitosanitari 2 piantine di canapa indiana e n2 germogli di piante di canapa indiana. L'uomo è stato deferito alla Procura di Patti per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e le piante e la strumentazione per la coltivazione sono state sottoposte a sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Trovato morto il sub disperso a Maregrosso, il cadavere recuperato dalla Capitaneria di Porto

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Scuole e coronavirus, Comune attacca ancora l'Asp: proroga della chiusura non improbabile

Torna su
MessinaToday è in caricamento