Case d'appuntamento, scatta la denuncia per un cittadino romeno

I controlli della Polizia insieme al personale dell'Annona. L'appartamento era stato ceduto in subaffitto a una donna ad un prezzo nettamente superiore a quello di mercato. Sono in corso approfondimenti per stabilire eventuali ulteriori responsabilità

La Polizia ha denunciato un cittadino rumeno per agevolazione della prostituzione. Il provvedimento dopo un controllo effettuato in un appartamento che si è rivelato essere una casa d’appuntamento. L’uomo si trovava all’interno di un appartamento sottoposto a controllo, in collaborazione con il personale della Polizia Municipale sezione Annona. 

Insieme alla persona denunciata, era presente una donna, anch’essa di origine rumena che sembrava essere, verosimilmente, colei che esercita l’attività di prostituzione all’interno dell’abitazione.

Appurato il tipo di rapporto che intercorreva tra i due e denunciato l’uomo, i poliziotti hanno effettuato ulteriori accertamenti per verificare che fosse il proprietario dell’immobile.

Le verifiche esperite hanno permesso di risalire al proprietario e di accertare che lo stesso aveva dato l’immobile in comodato d’uso a un primo locatario che, a sua volta, aveva sublocato l’appartamento alla cittadina di nazionalità rumena ad un prezzo decisamente superiore ai prezzi di mercato. Sono in corso approfondimenti per stabilire eventuali ulteriori responsabilità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura a Nizza di Sicilia: tentano di rapire una bimba, messi in fuga dalle urla della nonna

  • Panico e dolore al Verona-Trento, malore fatale per un assistente tecnico

  • La salma di Giuseppe Sorrenti in viaggio, lunedì i funerali alla Chiesa San Francesco di Paola

  • Da Patti al Bambin Gesù di Roma con un volo dell'aeronautica, neonato prematuro verso la salvezza

  • Incidente nella notte in via Catania, muore nell'impatto con un mezzo della Messina Servizi

  • Capo d'Orlando, droga nascosta nei bagni della scuola scoperta dai cani poliziotto

Torna su
MessinaToday è in caricamento