menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dissesto idrogeologico a San Piero Patti, 21milioni per il progetto di consolidamento nel centro abitato

Il versante interessato è quello compreso tra la via Leonardo da Vinci e via Catania. Serviranno lavori su più fronti per mitigare il rischio. Gli eventi franosi più gravi risalgono al 1994

La messa in sicurezza del centro di San Piero Patti, nel Messinese è un problema mai risolto fino in fondo e che si trascina da decenni, a partire dagli eventi franosi più gravi che risalgono al 1994 e che hanno causato lesioni nelle case e nelle strade ancora ben visibili. Ma adesso la situazione è cambiata: la Struttura contro il dissesto idrogeologico, guidata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, è intervenuta per risolvere definitivamente la situazione con l'aggiudicazione della progettazione esecutiva definita dagli Uffici diretti da Maurizio Croce.

In virtù di un ribasso del 42,2 per cento e per un importo complessivo di ventunomila euro sarà lo studio di Fabrizio Oliveri con sede a Santo Stefano Quisquina a effettuare le indagini tecniche e a redigere il progetto. Il versante interessato è quello compreso tra la via Leonardo da Vinci e via Catania. Serviranno lavori di consolidamento su più fronti per mitigare il rischio idrogeologico: le fratture e i cedimenti strutturali si aggravano, infatti, in occasione delle piogge, sia in via Catania sia nel suo prolungamento che è la strada provinciale 136, importante arteria di collegamento del centro urbano con altri paesi e con le frazioni periferiche e sino alla Provinciale 122, importante e unica via di fuga.

Da un punto di vista tecnico, le soluzioni previste riguardano opere di regimentazione delle acque con il drenaggio di quelle meteoriche superficiali e di falda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento