Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Sant'Agata di Militello

Marito e figlio la maltrattavano da anni, dice basta e li fa arrestare

I carabinieri di Sant'Agata militello fanno luce sulla brutta vicenda di una donna che ha trovato il coraggio di spedire in carcere sia il coniuge che il ragazzo. La procura di Patti ha guidato l'inchiesta

Finisce l'incubo per una donna di Sant'Agata militello. Sia il marito che il figlio la maltrattavano. I carabinieri hanno fatto luce sulla vicenda dopo la denuncia e li hanno arrestati trasferendoli in carcere. Ieri pomeriggio i militari della Compagnia di Sant’Agata di Militello al termine di una delicata e articolata attività investigativa, coordinata e diretta dalla procura di Patti hanno eseguito le due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 64enne e di un 30enne, padre e figlio, entrambi residenti a Sant’Agata di Militello, gravemente indiziati dei reati di maltrattamenti, molestie, minacce, ingiurie e lesioni personali gravi, commessi tra le mura domestiche, nei confronti della vittima. 

Lei ha presentato denuncia, c'è da dire che le vessazioni andavano avanti da anni e sono sfociate in una lunga serie di aggressioni fisiche e psicologiche finalizzate a sottometterla. Gli elementi raccolti dai militari dell’Arma hanno permesso alla procura di ottenere l’emissione di una misura cautelare personale in carcere, ritenendo la vicenda contornata da fatti di rilevante gravità. La procura di Patti già negli anni scorsi si era interessata al caso ottenendo nel 2019 la condanna del giovane per una serie di maltrattamenti che risalivano al 2018. A coadiuvare gli investigatori è intervenuta la “task force” specializzata, costituita presso il Comando Provinciale dei Carabinieri di Messina, per il contrasto alle violenze di genere. I due uomini si trovano adesso rinchiusi nelle celle del carcere di Barcellona Pozzo di Gotto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marito e figlio la maltrattavano da anni, dice basta e li fa arrestare

MessinaToday è in caricamento