Cronaca contrada Sperone

Viveva in una villa di lusso, ma rubava energia elettrica: nei guai noto ristoratore messinese

La guardia di finanza ha scoperto l'allaccio abusivo all'interno di un'abitazione di Sperone. Il tutto era nascosto da un calendario ritraente l'effige di Padre Pio. L'uomo è stato segnalato all'autorità giudiziaria

Abitava in una lussuosa villa di Sperone, ma nonostante tutto rinunciava a pagare la luce come tutti i comuni mortali.

La guardia di finanza ha scoperto una truffa ai danni dell'Enel con un allaccio abusivo. Nei guai è finito un 72enne, imprenditore messinese attivo nel campo della ristorazione.

In particolare, l'allaccio alla rete elettrica era stato realizzato mediante la predisposizione di un sezionatore, posto su una parete all’interno dell’abitazione, che confluiva in un secondo quadro, dal quale veniva fraudolentemente sottratta l’energia elettrica utilizzata per l’intero fabbisogno domestico.

L’ingegnoso meccanismo era occultato dietro un quadro riportante l’effige di Padre Pio, posto a “protezione” ed occultamento dell’illecito dispositivo.  

L'uomo è stato segnalato all’autorità giudiziaria per furto di energia elettrica

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viveva in una villa di lusso, ma rubava energia elettrica: nei guai noto ristoratore messinese

MessinaToday è in caricamento