Infermiere salva la vita ad una donna che si butta nel fiume, “le ho detto solo ti devi voler bene”

Il salvataggio di Roberto Bartolone, 34 anni, di Forza d'Agrò mentre era in vacanza in Veneto. Ora la sindaca Silvia Susanna ha proposto un riconoscimento ufficiale da parte del Comune

La storia di un infermiere che si butta nel fiume e salva una donna aspirante suicida, suscita tanta ammirazione ma anche tanta curiosità. Ci si domanda cosa può spingere ad un gesto così drastico e definitivo e si spera anche che il salvataggio possa indurre ad abbandonare, non solo per quel giorno, i cattivi propositi. 

Lui è Roberto Bartolone, 34 anni, di Forza D'Agrò. Era in vacanza in Veneto con la moglie e il figlio, dove abita il fratello. Passeggiava con la famiglia sul ponte della Vittoria che collega Musile a Sa Donà, quando ha visto una sagoma, una donna, che camminava verso la riva decisa e poi imboccava lo scivolo per le imbarcazioni.

Non sa neanche lui perché l’ha notata, come ha fatto a capire che aveva brutte intenzioni. Ricorda solo che ha detto alla moglie: “Devo correre giù”. Quando ha raggiunto la donna, lei era già in acqua, a metà del letto del fiume e ha dovuto nuotare con tutte le sue forze per prenderla di peso e portarla a riva. 

Infermiere-3Le ha messo un braccio intorno alle spalle e l’ha trascina fino alla terra ferma.  I minuti che passano per raggiungerla e portarla in salvo sono minuti di angoscia, respiro affannato, paura. 

Bartolone non le ha potuto neanche parlare perché lei aveva perso già i sensi. 

Le ha detto solo “ti devi volere bene”. E glielo vuole ripetere anche ora perché “la vita è troppo importante”. 

Di lei, il suo salvatore non sa nulla, non sa neanche i motivi del suo gesto, ma sa per certo che lo rifarebbe mille volte senza pensare al pericolo. Un gesto essenziale, senza bisogno di parole. D’altra parte il messinese Roberto Bartolone, infermiere a Novara, nel reparto di terapia intensiva, oltre la sua professione è “allenato”  a salvare vite perché è stato anche assistente ai bagnanti con brevetto di salvamento. La sindaca di Musile, Silvia Susanna, dopo essere stata informata di questo gesto eroico ha proposto un riconoscimento ufficiale da parte del comune.

Lui sembra perfino sorpreso: “Non ho fatto niente di speciale, ho fatto quello che avrebbe fatto chiunque”, ripete. 

Della donna che ha tentato il suicidio sappiamo solo che ha 55 anni. Speriamo davvero che impari a volersi bene.

Potrebbe interessarti

  • Christian e Claudia, primo matrimonio sulla spiaggia a Mongiovi

  • Il viaggio di Nicole, da Boston a Faro Superiore: “Aiutatemi a trovare i miei parenti”

  • Detenute al carcere di Barcellona, un giorno da modelle per abbattere il muro del pregiudizio

  • Oltre il muro del pregiudizio, serata glamour con le detenute del carcere di Barcellona

I più letti della settimana

  • Christian e Claudia, primo matrimonio sulla spiaggia a Mongiovi

  • La Papino conferma i licenziamenti, la Filcams Cgil: "Sani i vizi di forma e annulli le procedure"

  • Incidente in autostrada, in fin di vita un esattore del Cas

  • Detenute al carcere di Barcellona, un giorno da modelle per abbattere il muro del pregiudizio

  • Operazione antidroga, uno degli arrestati al tavolo delle trattative per la gestione degli stadi

  • Arrestato per droga alle trattative sugli stadi, Scattareggia: “Conosco Arena e Santoro, non altri”

Torna su
MessinaToday è in caricamento