Milazzo vicina all'emergenza rifiuti, il sindaco da lunedì invita i cittadini a non gettare l'immondizia

Il sequestro della discarica di Siculiana ha portato Giovanni Formica a fermare lo smaltimento

Lungomare milazzese (Foto di repertorio)

Da lunedì non si potranno gettare i rifiuti a Milazzo. L'emergenza rifiuti è vicina. Secondo quanto rende noto il Comune mamertino l'autorità giudiziaria ha sequestrato l'impianto di trattamento dei rifiuti di Siculiana, dove anche la discarica di Alcamo, che è quella assegnata alla città del Capo, si rivolge per il trattamento. Risultato, la notte scorsa i camion della ditta che svolge l’appalto per conto del Comune, carichi di 160 tonnellate di spazzatura, sono arrivati ad Alcamo e da lì sono stati rispediti indietro senza poter scaricare. Lo ha comunicato il sindaco Giovanni Formica evidenziando la criticità della situazione. “Abbiamo tutti i mezzi pieni, nessun posto dove portare i rifiuti e nessun modo per raccogliere quelli dei prossimi giorni – evidenzia amaro il primo cittadino - Da Palermo mi è stato detto che si sta cercando una soluzione e che dovremmo pensare di portare l'immondizia fuori dal territorio regionale. Ho chiesto di comunicarcelo formalmente, ma intanto noi
rischiamo già da lunedì di precipitare in emergenza sanitaria. Questo – prosegue Formica - è l’epilogo di una triste vicenda siciliana che tra veti, burocrazia, illegalità ed amicizie spericolate tiene prigionieri milioni di cittadini che, di questo passo, non vivranno mai in una terra libera e civile. Milazzo dal 24 giugno è in grosse difficoltà perché improvvisamente ci è stato detto che non avremmo più potuto conferire a Catania. Da allora i nostri mezzi viaggiano per 14 ore per raggiungere Alcamo e tornare, percorrendo oltre 500 chilometri, con un maggior costo
stimato su base annua di 2 milioni di euro che graveranno sui cittadini e non riescono neppure a rientrare in tempo per completare il servizio. E si è visto. Ai deputati regionali e assessori delle destre, che hanno la responsabilità del Governo Regionale, competente in materia di impianti e che in queste settimane saltellano per le vie della nostra città nel convincimento di potersi spartire il territorio, chiedo di sospendere per qualche ora il reclutamento nelle liste elettorali e di occuparsi, per una volta, del territorio nel modo giusto. Dicano alla cittadinanza e all'amministrazione comunale parole chiare su ciò che dobbiamo prepararci a gestire, prima che la situazione precipiti nel caos; restino giorno e notte a Palermo finché non avranno trovato una soluzione. Questo - e non gli altri di questi tempi praticati - è il modo giusto per costruire il consenso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Far west sui Colli Sanrizzo, insulti e schiaffi tra due famiglie nell'area attrezzata di Musolino

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rientro in classe, la pediatra Caputo: “Con queste regole si rischia il caos”

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento