Risse, rapine ed estorsioni: condannata la banda sgominata dall'operazione Flower

La sentenza di rito abbreviato per i 12 imputati. Estorsioni e minacce agli imprenditori della movida costretti ad assumere buttafuori graditi all'organizzazione. Tutti i nomi e i dettagli

Sono stati condannati ad un totale di più di 70 anni di carcere i dodici componenti della banda criminale che terrorizzava la movida messinese organizzando risse a tavolino nei locali per estorcere denaro agli imprenditori e costringerli ad assumere buttafuori a loro graditi. Una vera e propria organizzazione sgominata da Dda e squadra mobile lo scorso novembre con l'operazione Flower. 

I nomi e le condanne

Al termine del processo con il rito abbreviato, il gup Tiziana Leanza ha letto la sentenza. Sono stati condannati Kevin Schepis a 13 anni e 4 mesi, Giuseppe Esposito 11 anni e 10 mesi, Giovanni De Luca 12 anni e 2 mesi, Giovanni Lo Duca, 11 anni e 8 mesi, Eliseo Fiumara 6 anni e 4 mesi, Domenico Mazzitello e Vincenzo Gangemi 6 anni e 8 mesi ciascuno. Sono stati inoltre condannati Andrea Fusco 1 anno e 4 mesi, Placido Arena, 1 anno e 8 mesi, Cristian Messina 1 anno e 4 mesi, Antonino Rizzo 1 anno e 10 mesi e Giuseppe Cardia 3 mesi e 10 giorni.

Il pm Roberto Conte aveva invocato condanne che andavano dai 16 all'anno e mezzo di carcere. I legali degli imputati, gli avvocati Antonello Scordo, Salvatore Silvestro, Giuseppe Carrabba, Tino Celi e Giuseppe Bonavita, presenteranno ricorso in Appello. 

Rigettata, invece, la richiesta di patteggiamento per la rapina di un tabacchino presentata da Giuseppe Surace che verrà giudicato in un'altra sentenza. I

L'operazione Flower

Il questore Vito Calvino aveva definito il gruppo criminale agguerrito e pericoloso, protagonista da fine 2017 al giugno 2019 di estorsioni e rapine cruente. Gli investigatori hanno riconosciuto un modus operandi di puro stile mafioso, pur non contestando il reato di associazione.

Al centro degli interessi del clan c'era la movida. I componenti realizzavano profitti estorcendo denaro ai gestori dei locali più affollati dai giovani come il M'Ama, il Palcò, l'Officina o il Golden Beach. Qui avvenivano le "risse pilotate" che spesso coinvolgevano ignari avventori e determinavano la chiusura del locale interessato per motivi di sicurezza. 

A capo della banda c'erano Giovanni Lo Duca e Giovanni De Luca, quest'ultimo ancora ricercato dalla polizia. Erano loro a manovrare i fili servendosi di personaggi di fiducia che materialmente compivano i reati. Tra le assunzioni imposte con le minacce quelle dei buttafuori Domenico Mazzitello e Vincenzo Gangemi.

L'esecutore principale era Kevin Schepis, già fermato per la rapina a una tabaccheria di viale Europa avvenuta il mese scorso. A lui sono contestate anche cruente aggressioni fisiche e lesioni personali ai danni delle vittime finite nella trappola estorsiva. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Far west sui Colli Sanrizzo, insulti e schiaffi tra due famiglie nell'area attrezzata di Musolino

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rientro in classe, la pediatra Caputo: “Con queste regole si rischia il caos”

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento