menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camaro, via libera alla gara d'appalto per completare il parco urbano

Arisme ha ricevuto il verbale dello stato di consistenza del cantiere. Da valutare i costi di recupero dell'opera dopo anni di abbandono. Esultano i consiglieri Gioveni e Cacciotto: "Adesso è il momento di accelerare"

Potrebbe esserci finalmente la svolta riguardo la vicenda della realizzazione del parco urbano di Camaro Sant'Antonio. La costruzione dell'opera è ferma da oltre 15 anni, ma negli ultimi giorni la situazione sembra essersi finalmente sbloccata. L'Agenzia per il Risanamento (Arisme) ha infatti acquisito il verbale relativo allo stato di consistenza del cantiere al momento della risoluzione del contratto. Uno step fondamentale per procedere con la gara d'appalto.

Sulla vicenda esprimono soddisfazione i consiglieri in quota Fratelli d'Italia Libero Gioveni e Alessandro Cacciotto. Entrambi lodano l'interessamento di Arisme e chiedono di accelerare dopo la lunga attesa. "!Non sappiamo ancora a quanto ammonti adesso il costo per il completamento del pr ogetto – evidenziano Gioveni e Cacciotto – ma sia i 430.000 euro che erano rimas ti in cassa all’atto dell’interruzione dei lavori e che si spera l’Iacp abbia gi à trasferito ad Arisme, sia le ultime risorse giunte dalla Regione, ci lasciano ben sperare affinché nulla più osti all’avvio del procedimento. Siamo da sempre convinti – proseguono i due consiglieri di Fratelli d’Italia – che il Risanamento delle aree degradate passi non solo dall’assegnazione degli al loggi a chi risiede nelle baraccopoli, ma anche dalle riqualificazioni di aree c he servono alle comunità per ottenere quel meritato riscatto sociale. E lo splendido parco urbano di Camaro S. Antonio – concludono Gioveni e Caccioto  – con il suo anfiteatro da 500 posti, la sua nuova piazza con arredi, i suoi nu merosi parcheggi e il suo prezioso impianto di videosorveglianza, rappresenterà di certo un autentico 'gioiello di architettura' da far invidia a tante altre ci ttà italiane che godono, bontà loro, di un tasso di vivibilità certamente ben più elevato rispetto al nostro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento