Cronaca Centro

Rapina una tabaccheria del centro, l'arresto scatta dopo un anno

Il colpo risale all'ottobre del 2018. Il proprietario dell'esercizio commerciale era stato colpito con il calcio della pistola dopo aver reagito. Per la polizia fondamentale l'analisi delle immagini di videosorveglianza

A distanza di un anno dal crimine compiuto per il 34enne Gaetano Ardizzone si sono aperte le porte del carcere di Gazzi. 

L'uomo è stato arrestato dalla polizia poichè ritenuto responsabile, insieme ad altri due soggetti,  di una rapina ai danni di una rivendita tabacchi in centro città, avvenuta nell'ottobre del 2018.

Secondo quanto ricostruito dalle indagini, due individui, con il volto coperto da passamontagna, si erano introdotti all'nterno dell'attività commerciale e avevano minacciato il gestore con una pistola, intimandogli di consegnare l'incasso della giornata.

La vittima, nel tentativo di bloccare i malviventi, è stato colpito da un malvivente con il calcio dell’arma, riportando ferite al volto e alla spalla. Durante la colluttazione, il complice ha invece sottratto il denaro contenuto all’interno del bancone, per una cifra vicina ai 5mila euro. 

Anche grazie ai riscontri effettuati sui sistemi di video sorveglianza della zona, gli investigatori hanno poi verificato che a partecipare alla rapina c'era un terzo soggetto, rimasto fuori il tabacchino per fare il palo.

Nei confronti di Ardizzone, già con numerosi precedenti, il gip ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere, poiché le modalitàdell’azione e la spregiudicatezza criminale hanno evidenziato un alto rischio di reiterazione dei reati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina una tabaccheria del centro, l'arresto scatta dopo un anno

MessinaToday è in caricamento