rotate-mobile
Giovedì, 25 Aprile 2024
Cronaca

Gli studenti lasciano i banchi per pulire il lungomare, raccolta mezza tonnellata di rifiuti

Un fine settimana all’insegna del senso civico per i ragazzi dell’Istituto nautico Caio Duilio insieme ai volontari di Marevivo. L’iniziativa promossa nell’ambito del progetto nazionale Nauticinblu

Un fine settimana all’insegna del senso civico per gli studenti dell’Istituto nautico Caio Duilio di Messina  che nel fine settimana, insieme ai volontari di Marevivo, hanno ripulito il tratto di spiaggia antistante la rimessa dell’istituto, raccogliendo circa mezza tonnellata di rifiuti abbandonati.

L’iniziativa promossa nell’ambito del progetto nazionale Nauticinblu, destinato agli studenti degli istituti nautici con l’obiettivo di arricchire il loro percorso formativo e il loro impegno, nella considerazione che il mare sarà la fonte del loro futuro  e la sua preservazione l’assicurazione della loro realizzazione professionale.

Un programma di quattro giornate teso ad arricchire il percorso didattico con tanti confronti con il mondo economico, ma anche con la ricerca scientifica e tante esperienze sul campo per divenire più preparati e responsabili nei confronti dell’utilizzo delle risorse naturali, ma anche più attivi nella gestione e nella fruizione dei beni pubblici.

Il progetto, giunto alla sesta edizione  a Messina, grazie anche alla collaborazione del dirigente scolastico Daniela Pistorino e dei professori di uno dei più antichi istituti nautici d’Italia , anche quest’anno è sostenuto dal Gruppo Caronte&Tourist  che giorni fa ha accolto  gli studenti coinvolti nell’iniziativa su una nave traghetto per una visita didattica  e per partecipare ad una lezione di navigazione lungo la traversata dello Stretto di Messina.

Di notevole importanza sono state anche le spiegazioni in merito al percorso innovativo di processo che il gruppo sta portando avanti per contribuire attivamente alla riduzione di emissioni inquinanti, coerentemente con l’obiettivo climatico dell’UE e il neo affermato obbligo giuridico di ridurre le emissioni dell'UE di almeno il 55% entro il 2030 e la disposizione imposta alle navi con stazza lorda superiore a 5.000 di ridurre l'intensità delle emissioni di gas serra del 2% a partire dal 2025, del 6% a partire dal 2030, fino a raggiungere l'80% a partire dal 2050.

La soddisfazione espressa di  Caronte & Tourist nel  contribuire  ancora una volta alla realizzazione del progetto Nauticinblu  inteso come un progetto di grande valore educativo , abbracciando una formula formativa che vede il mare come un’opportunità economica,  senza dimenticare che rimane una risorsa preziosa e collettiva.

“Lodevole l’impegno di questi giovani studenti – dichiara la prof.ssa Tiziana Cappello, responsabile dell’unità territoriale messinese di Marevivo che ha guidato le attività – che hanno  partecipato a tutte le iniziative che sono state  messe in campo nell’ambito del progetto, esprimendo sempre grande interesse. L’apprendimento delle cause principali dell’inquinamento del mare e della riduzione delle sue risorse,  ha generato tra i giovani partecipanti consapevolezza e riflessione sull’incidenza che hanno  molti comportamenti disattenti e anche un nuovo senso di responsabilità nel  tentare di essere cittadini più attivi nella comune difesa delle risorse naturali.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti lasciano i banchi per pulire il lungomare, raccolta mezza tonnellata di rifiuti

MessinaToday è in caricamento