Sepoltura giovani vittime della strada: al Gran Camposanto un'area riservata

L'approvazione della delibera arriva simbolicamente nel giorno della memoria dei defunti, durante la seduta della commissione consiliare con delega ai cimiteri. Il numero degli incidenti stradali mortali è aumentato nel corso degli ultimi anni

cimitero

Istituire all'interno del cimitero monumentale messinese una zona dedicata alla sepoltura delle giovane vite spezzate da incidenti stradali. È stata approvata all'unanimità nel corso della prima commissione consiliare con delega ai cimiteri, presieduta dal consigliere Libero Gioveni, alla presenza dell'assessore ai Cimiteri Massimiliamo Minutoli, la proposta di delibera che modificherà il regolamento di Polizia Mortuaria. "La delibera è stata prodotta con l’importante obiettivo di destinare un’area del Gran Camposanto alla sepoltura delle giovani vittime della strada, il cui numero purtroppo negli ultimi anni è sensibilmente aumentato. - ha spiegato Gioveni –  Approvare all’unanimità questo importante atto deliberativo proprio nel giorno della commemorazione dei defunti assume certamente un significativo valore simbolico, un atto di rilevanza sociale e di vicinanza nei confronti di tutte quelle famiglie che negli anni sono state colpite così duramente da improvvise tragedie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento