rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca

Supergreen pass anche per i trasporti marittimi, i deputati Cinquestelle non convincono il governo Draghi

Dal 10 gennaio le nuove norme che obbligheranno a esibire il certificato verde vaccinale e secondo i pentastellati l'Italia sarà divisa in due ma non sono riusciti a modificare il decreto in vigore. Polemico anche l'ex assessore e presidente del movimento Autonomie popolari Scattareggia

Chi abita in un'isola è discriminato rispetto agli altri. Piovono critiche contro il supergreen pass in vigore dal 10 gennaio per salire sui mezzi di trasporto. In testa quelli marittimi. Senatori e deputati siciliani del movimento Cinquestelle che sostengono il governo Draghi non sono d'accordo con il provvedimento: “Non si può non tenere conto della peculiarità delle isole minori, territori che già soffrono di gravi penalizzazioni rispetto ai cittadini della terraferma, in tema di offerta di servizi e accessibilità ai servizi, anche essenziali, e in tema di condizioni economiche e di sviluppo di queste zone - scrivono - sul tema abbiamo raccolto la sensibilità del presidente Conte durante l’assemblea del M5S". Dal Consiglio dei Ministri di ieri sera la decisione non è stata modificata. "Non possiamo permettere che i cittadini perdano giorni in ambito lavorativo, scolastico, universitario. E ancora, non possiamo permettere che si creino circostanze in cui si verifichino mancate visite mediche o interventi chirurgici o sedute di chemio terapia saltati per l’impossibilità di raggiungere la terraferma. Una considerazione che vale soprattutto per gli abitanti delle Isole minori di tutta Italia, ma anche per coloro che vivono in Sicilia e Sardegna” - concludono.

Dal 10 gennaio 2022 scattano le altre norme previste con il decreto festività con l’obbligo di Super Green Pass per tutta una serie di attività e luoghi per i quali era finora consentito l’accesso anche con il Green Pass base. In primis i trasporti: da lunedì 10 gennaio non basterà più il certificato semplice per salire su un qualsiasi mezzo di trasporto: aerei, treni, navi, pullman, trasporti locali, bus, tram, metropolitane. 

 "Il Governo centrale con le sue scelte scellerate e discriminatorie ha, nella sostanza, diviso l'Italia tra confini terrestri e confini marini" - dichiara con forza il presidente del Movimento Autonomie popolari ed ex assessore comunale, oggi in Fratelli d'Italia, Pippo Scattareggia: "Un monito al nostro Governatore e Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, affinché affronti tempestivamente questo atto scellerato in maniera forte ed argomentata a cui sta assistendo e subendo inerme il popolo siciliano,  con tutti i disagi che tale condizione comporta.".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Supergreen pass anche per i trasporti marittimi, i deputati Cinquestelle non convincono il governo Draghi

MessinaToday è in caricamento