menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si chiude in casa e minaccia di suicidarsi brandendo due coltelli, salvata dai carabinieri

E' accaduto nel pomeriggio di ieri a Lipari. L'intervento dei militari ha evitato il peggio. A far scattare l'allarme il personale sanitario che avrebbe dovuto visitare la donna

Momenti di panico ieri pomeriggio a Lipari. Una donna si è barricata in casa brandendo due coltelli e minacciando il suicidio. I carabinieri sono intervenuti dopo la richiesta di aiuto del personale sanitario che avrebbe dovuto visitare la donna, protagonista della vicenda. E' così scattato il piano operativo previsto per fronteggiare tali eventi e sull’isola è stato inviato, con la motovedetta “CC814 Monteleone”, personale delle squadre di supporto
operativo (SOS) del 12° Reggimento Carabinieri Sicilia, specializzato nel fronteggiare le situazioni di crisi ad alto rischio e pronto ad intervenire a supporto dei carabinieri della locale stazione.

Sul luogo un carabiniere “negoziatore” del comando provinciale di Messina, esperto nelle trattative, ha avviato una lunga opera di mediazione con la donna al fine di indurla a desistere dal suo intento ed evitare che attuasse gesti inconsulti. Appurato che la donna appariva determinata a compiere atti autolesionistici, il “negoziatore”, nel corso della trattativa, è riuscito a convincerla ad uscire dell’abitazione ed i carabinieri, approfittando di un suo momento di distrazione, l’hanno bloccata e disarmata, impedendole di farsi del male.

La donna è stata successivamente accompagnata al pronto soccorso dell’Ospedale di Lipari, dove ha ricevuto le prime cure ed è stata sottoposta agli opportuni trattamenti sanitari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento