Traghettamento veloce, mezzi in avaria e corse soppresse: domenica da dimenticare nello Stretto

Sono stati 14 i collegamenti saltati della società Rfi Blu jet. La denuncia di Filt Cgil e Uiltrasporti che chiamano in causa Capitaneria e prefettura. “Verificare standard di sicurezza e rispetto della normativa sul lavoro”

Mezzi in avaria e corse soppresse hanno reso un inferno la domenica per i passeggeri tra le due sponde dello stretto. Lo denuncia Filt Cgil e Uiltrasporti Messina che chiamano in causa Capitaneria di Porto e Prefettura per chiedere di vediricare il rispetto delle normative di lavoro e di adeguatezza degli standard di qualità e sicuezza per il traghettamnto veloce nello Stretto.

Quella appena trascorsa è stata “una domenica da dimenticare per utenti e pendolari - si legge nella nota dei sindacalisti - e non sono di certo i primi eventi del genere che si riscontrano. Sono stati 14 i collegamenti soppressi dalla società  RFI Blu jet nella giornata di ieri nella tratta Messina- Villa SG per l’avaria del mezzo Princess of Duvbronik. Collegamenti interrotti pertanto dalle 6.30 alle 12.20 e per tutta la serata a partire dalle 19.30 alle 0.30 con disagi per i passeggeri e le coincidenze con i treni Inter City e Alta Velocità. Il collegamento di continuità territoriale è stato di fatto interrotto e solo parzialmente garantito quando Blu jet  ha approntato in fretta e furia il mezzo Eurofast, normalmente di sosta domenicale, richiamando in servizio il personale  dal riposo settimanale”. 

“Da sempre queste organizzazioni sindacali hanno operato per garantire nello Stretto una mobilità efficiente e adeguata alle richieste delle migliaia di pendolari siciliani e calabresi – dichiarano Carmelo Garufi e Michele Barresi segretari di Filt Cgil e Uiltrasporti Messina- e per questo che abbiamo recentemente dato merito all’attuale Governo di aver allargato anche alla tratta Messina- Reggio Calabria la continuità territoriale. Riteniamo però che l’attuale gestione del servizio sia inadeguata e che la presenza dello Stato sullo stretto di Messina debba essere anche sinonimo di efficienza dei collegamenti e dei mezzi impiegati con regole certe per il mondo del lavoro che orbita nel settore a sicurezza di chi opera e dell’utenza che fruisce del servizio.  

Blu jet opera da tempo con soli due mezzi di proprietà FS, Tindari e Selinunte, recentemente fermi in quanto oggetto di un incidente in porto le cui cause devono essere accertate, e questo – continuano Filt Cgil e Uiltrasporti - a fronte dei cinque mezzi che sarebbero necessari per garantire il servizio che il Governo ha inteso affidarle sulle due tratte per Villa e Reggio. Un servizio che per i mezzi posti in opera, tre dei quali a noleggio,  chiediamo sia verificato dagli organi competenti lo stato dell’arte – concludono i sindacati- in termini di rispetto delle normative di lavoro e di adeguatezza agli standard di qualità e sicurezza richiesti per il traghettamento veloce di passeggeri nello Stretto, ed in tal senso auspichiamo che anche Prefettura e Capitaneria di Porto, chiamate in causa da questi sindacati con recenti denunce in merito, si attivino per i dovuti controlli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Il supercriminologo: “Su Viviana e Gioele riparto da zero ma i dettagli parlano chiaro”

Torna su
MessinaToday è in caricamento