Cronaca

Trasporti, come fare domanda per il bonus 60 euro

Lunedì 17 aprile alle 8 sono state riaperte le domande per accedere all'incentivo per studenti, lavoratori, pensionati e cittadini con un reddito complessivo non superiore a 20 mila euro. L’avviso dell'ordine degli Ingegneri di Messina

L’Ordine degli Ingegneri di Messina, per il tramite della propria Commissione Viabilità, rende noto che in Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile ha confermato il bonus trasporti per l’anno 2023.
 
Dalle ore 8 di lunedì 17 aprile è attiva la piattaforma digitale per accedere all'incentivo, limitato come importo ma comunque immediato, che è dedicato a studenti, lavoratori, pensionati e cittadini con un reddito complessivo non superiore a 20 mila euro. Il budget totale è di 100 milioni di euro, stanziati per comprare abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico. Il sostegno è stato introdotto inizialmente dal decreto Aiuti del 2022, poi rifinanziato, e riproposto a gennaio 2023 dal decreto carburanti.

Il bonus può essere richiesto fino a 60 euro per l'acquisto di abbonamenti mensili, validi per più mesi, o annuali. 

Come fare domanda, dunque? Bisogna andare sulla piattaforma bonustrasporti.lavoro.gov.it e in pochi semplici clic si fa tutto. Attenzione, si può accedere solo con Spid o Carta di identità elettronica (Cie). Non serve invece l’Isee e nemmeno bisogna dichiarare il reddito, basta autocertificare di essere al di sotto della soglia dei 20 mila euro di reddito nel 2022, spuntando una casella. Il requisito di reddito è più restrittivo rispetto al 2022, quando il tetto massimo era a 35 mila euro.

C'è un sistema di coda automatico che regola e "ordina" la connessione alla piattaforma e, per ogni accesso, è possibile presentare una sola domanda, per sé o per un figlio minore a carico. Per fare domanda per ulteriori buoni è necessario accedere di nuovo e rifare tutta la trafila, indicando i codici fiscali dei diversi beneficiari. Invece eventuali figli maggiorenni, anche se a carico dei genitori, devono presentare domanda autonomamente. Quando si fa la richiesta inoltre, è necessario indicare il gestore del servizio di trasporto prescelto per lo sconto-bonus.

Il buono è solo nominativo e utilizzabile per l'acquisto di un solo abbonamento annuale o mensile di trasporto pubblico locale, regionale, interregionale o di trasporto ferroviario nazionale. Niente servizi di prima classe, executive, premium e simili. Un aiuto piccolo, ridotto come portata della platea rispetto allo scorso anno, ma comunque utile per avere uno sconto immediato nella difficile vita da pendolari.

I gestori aderenti all’iniziativa sono disponibili al seguente link: https://www.lavoro.gov.it/BT/OperatoriTrasportoPubblicoLocale.pdf
 
Il contributo può essere richiesto da persone fisiche con un reddito entro i 20 mila euro e deve essere utilizzato, acquistando un abbonamento, entro il mese solare di emissione. L'abbonamento può iniziare la sua validità anche in un periodo successivo.
 
Per ulteriori informazioni e richiedere il bonus, utilizzando SPID o CIE, è disponibile la piattaforma web al seguente link: https://www.bonustrasporti.lavoro.gov.it/

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti, come fare domanda per il bonus 60 euro
MessinaToday è in caricamento