Cronaca

Vertenza Sma, salvo il futuro degli 800 lavoratori

Il gruppo Arena pronto a rilevare il marchio Sma-Simply. Esultano i sindacati dopo 16 ore di incontro tra le parti: "Verranno garantiti diritti e tutele per tutti i dipendenti "

Una riunione fiume a Enna durata 16 ore, ma alla fine i lavoratori del gruppo Sma possono tirare un sospiro di sollievo. Uiltucs Uil, Filcams Cgil e Fisascat hanno infatti trovato l'accordo per il passaggio dei dipendenti, 800 in Sicilia e 200 nella sola provincia di Messina, ad alcune società legate al gruppo Arena con insegna Decò. 

Verranno mantenute tutte le posizioni contrattuali vigenti con il gruppo uscente Sma che si appresta quindi ad abbandonare la Sicilia.  Decò diventa di fatto leader della GDO  con un progetto di espansione che passa anche dall'acquisizione di una parte dei negozi  della società Cambria a insegna Spaccio alimentare. Destino diverso, invece, per una ventina di punti vendita che passeranno al  alla New Fdm del gruppo Radenza a insegna Crai. 

In particolare, i 177 dipendenti di Messina presteranno servizio nella a Supermercati Messina mentre i colleghi di S.Agata di Militello lavoreranno nella nuova società Supermercati Retail. Entrambe le aziende appartengono al gruppo Arena. 

"Abbiamo sottoscritto un accordo inaspettato viste le premesse iniziali - spiega Francesco Lucchesi della Filcams Cgil - . Le posizioni erano molto distanti, ma siamo riusciti a far valere le ragioni dei lavoratori.  Verranno garantiti diritti e tutele per tutti i dipendenti che vedono salvo, il 95% della loro retribuzione. Inoltre la nuova azienda assumerà i ventidue dirigenti che inizialmente erano rimasti fuori.".

Un futuro più roseo per gli 800 lavoratori e per le loro famiglie. "Per i prossimi tre anni e mezzo - precisa Lucchesi -  non ci saranno licenziamenti anche se qualche punto vendita dovesse chiudere i dipendenti saranno ricollocati altrove. Un risultato importantissimo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Sma, salvo il futuro degli 800 lavoratori

MessinaToday è in caricamento