Domenica, 14 Luglio 2024
Economia

Nuovi pattugliatori della Marina, basi navali a Messina Cagliari e Augusta

Fincantieri e Leonardo firmano il contratto. Valore complessivo per le prime tre unità è pari a 925 milioni di euro

Nell'ambito del programma di acquisizione Opv (Offshore Patrol Vessel) della Marina Militare italiana (Mm), Orizzonte Sistemi Navali (Osn), la joint venture partecipata da Fincantieri e Leonardo con quote rispettivamente del 51% e del 49%, ha firmato con la Direzione degli Armamenti Navali del Segretariato Generale della Difesa/Dna, il contratto per la costruzione di tre pattugliatori di nuova generazione, con opzioni relative a ulteriori tre unita' e agli adeguamenti infrastrutturali necessari per le basi navali di Augusta, Cagliari e Messina, dove avranno sede le navi.

Il valore complessivo del contratto per le prime tre unità, spiega una nota, è pari a 925 milioni di euro, comprensivo dei relativi servizi di supporto logistico. Nei prossimi giorni Osn concluderà i contratti di sub-fornitura con Fincantieri e Leonardo, che avranno rispettivamente un valore pari a circa 540 e 255 milioni di euro. Quello con Fincantieri costituisce un'operazione tra parti correlate di maggiore rilevanza definita nel rispetto della relativa normativa applicabile. Per Leonardo, il previsto contratto di sub fornitura, da concludersi tra Leonardo e Osn, rappresenta un'operazione con parte correlata di minore rilevanza, in virtu' del valore del contratto e degli indici di rilevanza applicabili alla fattispecie.

Le operazioni beneficiano dell'esclusione dal regime procedurale prevista per le operazioni con societa' controllate (anche congiuntamente), ai sensi della vigente disciplina e delle rispettive procedure adottate. Il programma Opv risponde alla necessità di garantire adeguate capacita' di presenza e sorveglianza, vigilanza marittima, controllo del traffico mercantile, protezione delle linee di comunicazione e della zona economica esclusiva, oltre ad attività di tutela dalle minacce derivate dall'inquinamento marino, quali lo sversamento di liquidi tossici. Con una lunghezza di circa 95 metri, un dislocamento di 2.300 tonnellate e la capacita' di ospitare a bordo 97 membri dell'equipaggio, i nuovi pattugliatori si distingueranno per la concentrazione di soluzioni tecnologiche, nonché per standard di eccellenza in termini di automazione e manovrabilita', che li renderanno adatti a operare in un ampio ventaglio di scenari tattici e condizioni atmosferiche.

Tra le caratteristiche più innovative vi è il cockpit navale, sviluppato per i Pattugliatori Polivalenti d'Altura (Ppa) della Mm sulla base di un requisito realmente rivoluzionario: una postazione integrata, co-prodotta da Leonardo e Fincantieri NexTech, che permette la condotta della nave e delle operazioni aereonavali da parte di soli due operatori, il pilota e il copilota, che hanno inglobato le figure dell'ufficiale di guardia in plancia e del comandante. Da questa postazione, ubicata nella 2 plancia comando, è infatti possibile gestire sia le macchine, i timoni e gli impianti di piattaforma sia alcune funzioni del sistema di combattimento. Roberto Cingolani, amministratore delegato di Leonardo, ha dichiarato che "questo contratto premia e mette insieme il meglio della tecnologia italiana. Leonardo e Fincantieri, attraverso Osn, sono in grado di offrire soluzioni 'stato dell'arte' per la sicurezza nazionale. Questo il frutto di una sinergia solida e prospettica.

La Marina Militare ha la garanzia del presidio di una capacità di lungo periodo". L'amministratore delegato di Fincantieri, Pierroberto Folgiero, ha aggiunto che "questa firma rappresenta un notevole successo sul piano commerciale, perché gli Opv appartengono alla famiglia Fcx, l'architrave della nuova offerta di Fincantieri nell'ambito della Difesa su scala globale. E' inoltre la conferma della capacita' gestionale del gruppo di ricoprire il ruolo di partner strategico della nostra Marina, una delle più avanzate al mondo. Non ultimo, il programma, attraverso il rilancio di Orizzonte Sistemi Navali, consolida ulteriormente la collaborazione con Leonardo, permettendoci di concentrare le competenze di integrazione del sistema nave e, in senso più ampio, ribadisce la valenza del nostro Sistema-Paese".

Fonte: Dire

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi pattugliatori della Marina, basi navali a Messina Cagliari e Augusta
MessinaToday è in caricamento