Giovedì, 18 Luglio 2024
Economia

Social card da 382,50 euro: c'è la lista dei beneficiari, scatta la distribuzione negli uffici postali poi la lettera dal Comune

La carta "Dedicata a te" contiene i soldi per l'acquisto di generi alimentari di prima necessità, a sostegno di chi è in condizioni di difficoltà economiche. Per il bonus "una tantum" c'è una procedura con una tempistica precisa per l'invio, il ritiro e l'attivazione: ecco tutte le date da segnare e le informazioni necessarie

Parte oggi, 17 luglio, la distribuzione negli uffici postali della carta "Dedicata a te", la social card contenente 382,50 euro pensata dal governo Meloni per aiutare le famiglie in difficoltà a contrastare il caro spesa e la corsa dell'inflazione, attraverso l'acquisto di generi alimentari di prima necessità. La misura spetta ai nuclei familiari composti da almeno tre persone e con un Isee fino a un massimo di 15 mila euro. Lo scorso martedì 11 luglio, quando il governo ha presentato l'agevolazione in una conferenza stampa, il presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha detto: "L'iniziativa riguarda quel milione e 300 mila famiglie che hanno maggiori difficoltà nell'acquisto dei generi di prima necessità, il famoso caro carrello. Abbiamo investito 500 milioni di euro per aiutarle".

Ma ci sono alcune categorie che, in base ai requisiti fissati, rimangono escluse. Le risorse sono infatti limitate (500 milioni di euro) e il governo ha dato priorità alle famiglie con almeno tre persone, tra cui un figlio piccolo. Di fatto, anche se il loro Isee non è superiore a 15 mila euro, single (anche con un figlio) e coppie senza figli non riceveranno il bonus, come abbiamo spiegato qui. Inoltre, la social card non è cumulabile con altri contributi pubblici di sostegno al reddito ed è un bonus "una tantum" (si riceve cioè una volta soltanto). Ma andiamo con ordine.

Oggi la lista dei beneficiari della social card

C'è una procedura con una tempistica precisa per l'invio, il ritiro e l'attivazione della card. Sabato 15 luglio, dopo aver individuato le famiglie aventi diritto, l'Inps ha comunicato ai Comuni la lista dei beneficiari della carta. Per ottenerla non bisogna fare domanda: l'istituto ha stilato gli elenchi in base alle informazioni in suo possesso e ai requisiti fissati. Da oggi, lunedì 17 luglio, invece, parte la distribuzione delle carte agli uffici postali: è qui che i beneficiari dovranno recarsi per ritirarle.

A partire da martedì 18 luglio, i Comuni inizieranno a comunicare alle famiglie beneficiarie il numero della carta e l'indirizzo dell'ufficio postale incaricato della consegna. Per ritirare la card bisogna quindi aspettare questa comunicazione, che avviene con una lettera inviata dal Comune a casa di ciascun beneficiario del bonus da 382,50 euro. Nei giorni 24 e 25 luglio, secondo quanto emerso finora, dovrebbe partire il ritiro delle card da parte dei beneficiari. Ricevuta la missiva a casa, il titolare dovrà portare con sé la lettera che contiene il codice fiscale abbinato al codice della Postepay assegnata. Al momento del ritiro allo sportello postale, la carta sarà già caricata dell'importo totale pari a 382,50 euro, uguale per tutti i beneficiari.

La carta va attivata entro il 15 settembre, effettuando un primo pagamento. "Nota bene: la mancata attivazione entro il 15 settembre 2023 comporta la non fruibilità della carta e la conseguente decadenza dal contributo", spiegano le Faq del governo. Il ministro dell'agricoltura e della sovranità alimentare Francesco Lollobrigida ha spiegato che, "per evitare dispersioni, al 15 settembre i fondi delle carte non attivate saranno ripartiti tra le famiglie che avranno attivato la card". Sarà possibile spendere i 382,50 euro della social card tra il primo agosto e il 31 dicembre 2023.

E cosa si può acquistare? I beneficiari potranno impiegare la carta solidale per comprare generi alimentari di prima necessità. Non sarà possibile spendere l'importo in negozi di abbigliamento o di altro tipo e il decreto esclude espressamente l'alcol tra i beni acquistabili. Con apposite convenzioni, il ministero dell'agricoltura ha inoltre stipulato degli accordi con alcuni gruppi che operano nel settore, per l'applicazione di un ulteriore sconto del 15% in favore dei possessori delle social card (qui c'è l'elenco).

fonte Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Social card da 382,50 euro: c'è la lista dei beneficiari, scatta la distribuzione negli uffici postali poi la lettera dal Comune
MessinaToday è in caricamento