Attualità Lipari

Erica, neo assunta all’ufficio postale di Lipari: “Ho scelto il vaccino per tutelare tutti e tornare a vivere”

Il punto di vista della 25enne catanese che da pochissimi giorni ha preso servizio sull’isola nella stagione più “calda”, tra turisti e ondata pandemica

Due occhi grandi grandi e un sorriso che dice tutto: Erica è doppiamente felice! È felice perché a soli 25 anni ha già un lavoro che la gratifica e perché tra poche ore sarà vaccinata.

“Sono stata chiusa a casa oltre un anno – racconta -, senza fare vita sociale o vedere i miei amici. Avevo deciso di proteggermi così, anche se non era esattamente vivere. Poi qualche giorno fa è arrivata la chiamata per l’assunzione e non ho esitato un attimo. Per ferragosto mi ‘regalerò’ il vaccino, per salvaguardare me stessa, tutelare i clienti dell’ufficio postale e tornare alla libertà. Non vedo l’ora: sarà bello tornare a farsi un aperitivo in tranquillità”.  

Erica è una ragazza di Aci Catena in provincia di Catania, laureata in Economia e da pochi giorni è stata assunta in Poste Italiane, azienda che garantisce ancora un futuro a giovani e donne siciliani, quando sull’isola il tasso di disoccupazione ha superato il 22%. La neoassunta aveva compilato il form per la posizione di consulente finanziaria appena terminati gli studi, come precisa lei stessa: “Era lo scorso ottobre. Speravo nell’assunzione ma non ci credevo fino in fondo, o almeno non credevo che sarebbe arrivata così presto. Noi giovani paghiamo lo scotto della sfiducia generata da tanti anni di politiche sbagliate e aspettative disattese. Al Sud in particolare, studiamo pensando di dover per forza migrare al Nord”. Nel raccontare la sua esperienza, Erica pensa ai suoi coetanei e vuol lanciare un messaggio di speranza: “Quando mi hanno telefonato per il colloquio ho subito pensato alle persone della mia età, volevo renderli partecipi di quanto mi stava accadendo a testimonianza che è lecito immaginare un futuro in Sicilia”.

Erica Sciacca foto-2Sull’Isola, come nel resto d’ Italia, Poste Italiane continua a creare nuove opportunità di lavoro, anche in un periodo segnato dall’emergenza sanitaria ed economica. Ed è proprio in Sicilia, dove al momento secondo gli ultimi rilievi Istat quasi il 40% della popolazione è fuori dal circuito produttivo, che Poste Italiane – che con i suoi 125mila dipendenti è il primo datore di lavoro d’Italia – segna un’inversione di tendenza investendo soprattutto sui cosiddetti Neet (acronimo inglese di Not in Education, Employment or Training).

Gli inattivi in Sicilia sono infatti circa 1 milione e 500mila (di cui il 65% donne) e oltre 450mila sono proprio i NEET, ai quali Poste Italiane sta dando nuove prospettive, con assunzioni e formazione.

Prosegue infatti il piano di inserimenti nell’organico aziendale delle province siciliane con inserimenti all’interno della rete degli uffici postali e nel settore del recapito della corrispondenza e dei pacchi. Erica è una di loro, tra le giovani risorse che senza pensarci due volte ha lasciato casa ed è corsa a Lipari, la più grande delle “sette sorelle” delle Eolie, per iniziare questa nuova avventura.

“Mi ‘tuffo’ nel clou del turismo e in piena nuova ondata epidemica. Meglio vaccinarsi di corsa -  ha pensato mentre chiudeva le valigie - Qui in ufficio i colleghi sono tutti vaccinati. E ora più che mai capisco l’importanza di questa scelta, che consiglio a tutti gli incerti. Non bisogna abbassare la guardia”. Basta leggere i giornali e le notizie che corrono sui social. L’isola è presa d’assalto dai turisti, così come i suoi esercizi commerciali e l’ufficio postale liparota, dove si regalano mascherine quando i clienti meno attenti le dimenticano.

Erica è emozionata. Le piace la sua nuova vita, la casetta sul corso e la sua nuova famiglia. “In ufficio mi hanno accolta come fossi una figlia”, dice con voce dolcissima. Non conosceva Lipari. Non ne immaginava la bellezza. Conoscevo le altre isole siciliane, ma non le Eolie. Si sente fortunata a lavorare sul mare.  

Ai ragazzi che non vedono futuro dice: “I sogni esistono e se ci credete arrivano anche le opportunità. Io non sono stata solo fortunata, sono stata determinata, ho studiato tanto e non ho mai smesso di provarci”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Erica, neo assunta all’ufficio postale di Lipari: “Ho scelto il vaccino per tutelare tutti e tornare a vivere”

MessinaToday è in caricamento