Follia a Bordonaro, minaccia la moglie con un martello e poi distrugge i mobili

L'intervento dei carabinieri ha evitato il peggio. L'uomo è stato arrestato per maltrattamenti nei confronti dei familiari. La convivente era costretta da tempo subire minacce e aggressioni

Pomeriggio di follia quello vissuto lo scorso 2 aprile in una casa di Bordonaro. 

Protagonista un 33enne che dopo un acceso diverbio con la moglie per la gestione dei figli ha minacciato la donna con un martello per poi accanirsi contro mobili e suppellettili, distruggendoli. Ad evitare la tragedia l'intervento dei carabinieri, avvertiti dai vicini della coppia che aveva sentito diverse urla e forti rumori provenire dal'appartamento.

I militari hanno arrestato l’uomo in flagranza di reato di maltrattamenti verso familiari e conviventi e sequestrato il martello da lavoro, utilizzato dall’indagato. Le indagini hanno permesso di ricostruire lo stato di avvilimento e disagio in cui la donna è stata costretta a vivere per anni, durante i quali ha subito minacce e continue aggressioni, vivendo in un clima di sottomissione e paura.

L’uomo è stato rinchisuo nel carcere di Gazzi per poi comparire davanti al Giudice del Tribunale di Messina per l’udienza di convalida dell’arresto, all’esito della quale gli è stata applicata la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 113, muore un infermiere del Policlinico

  • Malore fatale per addetto alla sicurezza della Caronte-Tourist, storico Volontario della Misericordia

  • Cade da un ponteggio, muore operaio in un cantiere a Venetico

  • Sarà seppellito a Cinquefrondi Alessandro Aimola, il Volontariato messinese in Cattedrale

  • Fase 2, le regole da seguire su auto e moto per evitare multe

  • Niente più vocazioni, le Suore Figlie della Carità lasceranno Messina e il Collereale dopo 118 anni

Torna su
MessinaToday è in caricamento