Spaccio di droga a Bisconte, arrestata dai carabinieri una coppia di pusher

Ai domiciliari una 48enne e un 53enne. La loro casa era diventata il “punto di riferimento” per l’acquisto dello stupefacente

Nelle prime ore di questa mattina, a Messina, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Gip presso il Tribunale di Messina su richiesta della Procura, i carabinieri della Compagnia Messina Centro, supportati da un team del Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno arrestato due messinesi, la 48enne D.P.C., incensurata, e il 53enne C.G., già noto alle forze dell’ordine, poiché ritenuti responsabili in concorso del reato di spaccio di sostanze stupefacenti continuato.

Il provvedimento restrittivo scaturisce dall’esito delle indagini sviluppate dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Messina Centro che, grazie ad attività tecniche di investigazione e sevizi di osservazione e pedinamento, hanno documentato lo smercio di marijuana e cocaina posto in essere dai due predetti nel cuore del rione popolare di Bisconte a Messina, da giugno a settembre 2018.

In particolar modo, l’inchiesta ha dimostrato che l’abitazione di dell'uomo, dove all’epoca conviveva con la 48enne, era diventata il “punto di riferimento” per l’acquisto dello stupefacente ed il fulcro di un redditizio traffico di droga. Nel corso dell’esecuzione dei provvedimenti è stata rinvenuta e sottoposta a sequestro una pianta di “cannabis indica” con fusto alto circa un metro, trovata nella disponibilità della donna.

Al termine delle operazioni, gli arrestati sono stati condotti dai militari dell’Arma presso le rispettive abitazioni e lì sottoposti alla misura degli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento