Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Trovati con 20 chili di droga nel trolley, arrestati due gelesi al porto di Messina

Alessandro Peritore, pregiudicato di 28 anni, e Marco Brasile erano pronti ad imbarcarsi con due diverse auto prese a noleggio

Venti chili di marjuana nello zaino, pronti a imbarcarsi al porto di Messina. Sono stati arrestati dai poliziotti della Squadra Mobile di Caltanissetta e del dommissariato di Gela, coadiuvati dalla Squadra Mobile di Messina. Si tratta dei gelesi Alessandro Peritore, pregiudicato di 28 anni, e Marco Brasile, incensurato di 49 anni, trovati in possesso di 20 chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo marjuana.

I due uomini, che viaggiavano su due auto diverse, entrambe prese a noleggio, hanno attirato l’attenzione degli investigatori della Polizia di Stato che stavano svolgendo un servizio di polizia agli sbarchi dei traghetti a Messina, nel corso del quale stavano controllando diverse autovetture. La circostanza che entrambe le auto noleggiate fossero condotte da due soggetti provenienti da Gela, che hanno concordemente riferito che si conoscevano, ha incuriosito i poliziotti che hanno proceduto alla perquisizione di ciascuno dei soggetti controllati e dei loro mezzi.

Nel bagagliaio dell’auto condotta dal Brasile i poliziotti hanno trovato un trolley da viaggio contenente 20 chilogrammi di marijuana. Altre perquisizioni sono state eseguite presso le abitazioni gelesi dei due arrestati e, in casa del Brasile, sono stati sequestrati 6,5 grammi di cocaina e 96 munizioni da caccia detenute irregolarmente; mentre in casa del Peritore sono stati sequestrati 3 grammi di marijuana. Al termine delle operazioni di polizia i due arrestati per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, sono stati condotti presso la casa circondariale di Messina a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovati con 20 chili di droga nel trolley, arrestati due gelesi al porto di Messina

MessinaToday è in caricamento