Cronaca

Bimbi autistici ancora senza assistenza, i genitori: "Stanno perdendo le abilità acquisite"

Le terapie non sono riprese nonostante la fine del lockdown. La lettera all'Asp di decine di famiglie per far riaprire i centri Diatip

Senza assistenza da tre mesi e con un futuro ancora incerto. E' la condizione dei bambini autistici che ricevono assistenza nei centri Diatip (Diagnosi e trattamento intensivo precoce per bambini con disturbo autistico) gestiti dall'Asp. L'emergenza coronavirus ha infatti causato la chiusura dei centri di riabilitazione, ma nonostante l'allentamento delle misure contenitive della pandemia e la fine del lockdown, i bimbi continuano a rimanere in casa. 

Da qui la mossa dei genitori che hanno scritto una lettera all'Asp per sbloccare le attiività e programmare un nuovo percorso in sicurezza, così come avvenuto in altre strutture sanitarie del Messinese. Il Dpcm targato 17 maggio specifica che le "persone con disabilità motorie e con disturbi dello spettro autistico possono ridurre il distanziamento sociale con i propri accompagnatori o operatori di assistenza".

La mancata terapia rischia di provocare ai bimbi gravi conseguenze. "I nostri figli - si legge nella lettera dei genitori - in questi mesi stanno pian piano perdendo le abilità acquisite durante il cammino portato avanti con le operatrici nel Centro e stanno riemergendo comportamenti problematici precedentemente contenuti o estinti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbi autistici ancora senza assistenza, i genitori: "Stanno perdendo le abilità acquisite"

MessinaToday è in caricamento