Trasporti, dopo 11 anni trovata l'intesa: biglietto unico per bus, tram e treni a 5,50 euro al giorno anche a Messina

Trenitalia, Regione, Comune e Amat chiudono l'accordo che consente di prendere i mezzi pubblici con un solo ticket nell'area comunale. Musumeci: "Il progetto sperimentale parte da Palermo. Speriamo di coinvolgere gli aeroporti"

a domani si potrà viaggiare su bus, tram e treni con un biglietto unico giornaliero. Trenitalia, Regione, Comune e Amat hanno finalmente trovato l'intesa che consente - dopo undici anni - ai palermitani (e si spera anche ai turisti) di prendere i mezzi pubblici con un solo ticket. 

L'ultima "apparizione" del cosiddetto biglietto integrato nel territorio comunale è datata marzo 2009: scaduta la convenzione, Amat e Trenitalia non sono più riusciti a rinnovarla perché in disaccordo sulle percentuali dei guadagni dei titoli di viaggio. Nel frattempo, in città sono state realizzate 4 linee di tram e la domanda di mobilità è cresciuta. I passeggeri però sono stati finora costretti ad acquistare due ticket diversi, a costi diversi, e vani sono stati i tentativi di reintroduzione del biglietto unico.

Adesso la svolta di questa lunga telenovela. Il ticket giornaliero integrato avrà un costo di 5,50 euro; mentre i ragazzi fino a undici anni accompagnati da un adulto viaggeranno gratuitamente. Una promessa mantenuta, come aveva anticipato lo scorso dicembre l'amministratore delegato di Trenitalia, Orazio Iacono, durante la presentazione dei treni Pop. "Con il biglietto unico semplifichiamo gli spostamenti dei cittadini e dei turisti - ha sottolineato oggi Iacono, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo d'Orleans -, consentendo una esperienza di viaggio più intermodale. Il biglietto integrato contribuirà ad avere un futuro più sostenibile e sarà una valida alternativa al mezzo privato".

L'iniziativa sarà replicata anche a Catania e Messina. "Abbiamo l'esigenza di facilitare i passeggeri e incoraggiarli a utilizzare i mezzi pubblici - ha spiegato il presidente della Regione, Nello Musumeci - anche per decongestionare il traffico nelle grandi città. Siamo davanti a una soluzione nuova per la Sicilia, il progetto sperimentale parte da Palermo ma sarà esteso anche a Catania e Messina. Speriamo di potere coinvolgere nell'iniziativa anche gli aeroporti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brigata Aosta nello sconforto per la morte del militare, indagini a tutto campo a Capo d'Orlando

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • Tragedia sfiorata in via Jaci, soccorso un uomo che ha tentato il suicidio

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: otto a Messina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento