Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Bus contro caro voli, prime corse di ritorno: “Orgogliosi di aver offerto un servizio utile”

Il presidente della Regione soddisfatto per il servizio a molti siciliani che non avrebbero potuto trascorrere il periodo festivo con i propri cari. “Una provocazione che dovrebbe suonare a vergogna nei confronti della compagnia aerea italiana sovvenzionata dallo Stato”

Sono partiti ieri dall’Isola (sabato 4 gennaio) i primi due pullman messi a disposizione dal governo Musumeci per consentire ai siciliani fuori sede di poter rientrare, con una tariffa agevolata, nei luoghi di studio o lavoro, al centro e nord Italia. I bus di proprietà dell’Ast, società della Regione, sono partiti da Palermo con destinazione Catania e Messina, poi uno si è diretto a Napoli e Roma, mentre l’altro a Milano. Identico tragitto anche oggi e domani. Lo stesso servizio erano stato effettuato alla vigilia di Natale e, in quell’occasione, furono cinque i mezzi utilizzati in tre giorni.

“Siamo soddisfatti – evidenzia il presidente della Regione - che all’andata tutto abbia funzionato bene e soprattutto di avere offerto un servizio utile. A causa delle proibitive tariffe aeree, ma anche degli altri mezzi di trasporto, senza la nostra iniziativa molti siciliani non avrebbero potuto trascorrere il periodo festivo con i propri cari. Di questo voglio ringraziare il presidente dell’Azienda siciliana trasporti, Gaetano Tafuri, e tutto il personale che hanno dimostrato, oltre a un attaccamento al lavoro, grande efficienza. Un serio impegno di squadra, così come s’addice a una società affidabile e produttiva. La nostra non era assolutamente una gara contro qualcuno. Abbiamo solamente offerto un servizio ai siciliani che non erano in condizione di poterlo acquistare agli attuali prezzi. E di questo andiamo orgogliosi. Si è trattato, anche, di una provocazione che dovrebbe suonare a vergogna nei confronti della compagnia aerea italiana sovvenzionata dallo Stato”. 

L'iniziativa speciale, attivata per l’occasione, ha previsto partenze dalle città di Milano, Roma e Napoli con destinazione Messina, Catania e Palermo, a un costo rispettivamente di 30, 20 e 10 euro. Per ogni corsa si sono alternati tre autisti, assicurando così loro il giusto periodo di riposo. Tutte le informazioni, le prenotazioni e il pagamento sono avvenute tramite il sito internet dell’Ast (www.astsicilia.it).

“Abbiamo subito accolto – sottolinea il presidente dell’Ast Gaetano Tafuri – la sollecitazione del presidente Musumeci, mettendo in campo pullman confortevoli di ultima generazione, oltre alle migliori risorse umane. Non abbiamo lasciato nulla al caso e gli attestati di gratitudine, che i passeggeri hanno rivolto agli autisti al loro arrivo in Sicilia, ci confermano che il servizio offerto è stato adeguato e soddisfacente”.

Anche per il viaggio di ritorno i pullman dell’AST che hanno portato in Sicilia a prezzo politico studenti e lavoratori fuori sede per le festività natalizie transiteranno sulle navi di Caronte & Tourist in servizio sullo Stretto di Messina con tariffe estremamente agevolate. “Abbiamo aderito con convinzione all‘iniziativa della Regione Siciliana- ha ribadito la società di navigazione - perché riteniamo che agevolare il ricongiungimento con gli affetti e la propria terra d’origine sia un dovere che afferisce alla responsabilità sociale d’ impresa”.

articolo modificato 5 gennaio 2020 ore 17.10 // inserita dichiarazione gruppo Caronte&Tourist

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bus contro caro voli, prime corse di ritorno: “Orgogliosi di aver offerto un servizio utile”

MessinaToday è in caricamento