Cronaca

Cent'anni di Don Minico: il papà della "pagnotta alla disgraziata" che ha deliziato generazioni di messinesi

Domenico Mazza, classe 1921, da venditore di gazzose a vera e propria icona della gastronomia, avrebbe spento cento candeline oggi. Si è spento nel 2015 a 94 anni. Ripeteva sempre: "La citta' di Messina mi ha dato tutto. Ed io gli sono riconoscente". Il ricordo sui social

Avrebbe compiuto oggi cento anni, Domenico Mazza, in arte Don Minico, l'inventore della pagnotta alla "disgraziata" che con il suo chiosco alle Quattro Strade, sui Colli San Rizzo, è diventato negli anni una icona rappresentativa dell'identità gastronomica di Messina. A causa delle restrizioni anti-covid il ricordo oggi sta girando sui social a suon di commenti e condivisioni di post che lo descrivono come un "uomo buono, esempio di imprenditoria per i giovani messinesi". 

L'inventore della paninoteca ante litteram era originario del Villaggio di Gesso da cui ogni giorno portava a piedi il pane appena sfornato,  ripercorrendo gli antichi sentieri dei Vespri siciliani. Partì con niente il giovane Domenico Mazza che da venditore di gazzose riuscì a trasformare il suo centro in baracchetta di legno e poi in "Casa di Cura di Don Minico".

"Lasciato il lavoro al forno di Gesso, Don Minico con il figlio Paolo trascorrevano intere giornate nel chioschetto. La moglie di Don Minico, Donna Razia, approfittava della disponibilità dell'autista del pullman che da Gesso andava a Messina, per fare arrivare il pranzo a marito e figlio: una “’truscia” (fazzoletto di stoffa annodato contenente il pranzo frugale di contadini e muratori) con pane, melanzane e pomodori sott'olio, prodotti che lei stessa realizzava in casa", si legge sul sito ufficiale. 

Da allora la pagnotta di Don Minico divenne una prelibatezza, insignita anche del titolo di "Prodotto tradizionale nazionale". La "Casa di Cura Don Minico" è ormai considerato un punto di incontro per tutta la città e la provincia. Oggi a gestirla sono il figlio Paolo e il nipote Domenico. Il chiosco è diventato azienda agricola biologica e vitivinicolla. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cent'anni di Don Minico: il papà della "pagnotta alla disgraziata" che ha deliziato generazioni di messinesi

MessinaToday è in caricamento