Centri raccolta rifiuti, anche dodici progetti del Messinese ammessi a valutazione

Dal capoluogo a Mazzarrà Sant'Andrea passando per Letojanni e Patti, i programmi dell'assessorato regionale all'Ambiente per aumentare la differenziata

Impianto di compostaggio rifiuti a Pace

Ci sono anche dodici progetti del Messinese tra gli 87 ammessi a valutazione dalla Regione per nuovi centri comunali di raccolta rifiuti e potenziamento e ampliamento di quelli esistenti. I nuovi Ccr sono previsti a Basicò, Mazzarrà Sant'Andrea, Santa Lucia del Mela, Forza d'Agrò, Oliveri, Roccavaldina, Patti, Letojanni, Venetico, Falcone (quest'ultimo ha la previsione di fondi più alta: 1.215.000 euro). Il potenziamento e l'ampliamento dei Ccr esistenti riguardano Messina e Montalbano elicona. Il dipartimento regionale Acqua e rifiuti ha pubblicato gli elenchi delle istanze ammissibili e di quelle escluse per destinare 21,4 milioni di euro del Po Fesr 2014-2020. Adesso la commissione di valutazione stilerà una graduatoria sulla base dei criteri previsti dal bando. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I centri comunali di raccolta rientrano tra le iniziative del governo Musumeci per migliorare la raccolta differenziata nei Comuni. Gli enti esclusi potranno nel frattempo presentare le proprie osservazioni. L'assessore regionale Alberto Pierobon spiega che "Questa misura, che stiamo cercando di portare a compimento tra mille difficoltà burocratiche, contribuirà a migliorare la raccolta differenziata e il servizio per i cittadini. Proveremo a stanziare altre risorse che, assieme alle economie di gara, consentiranno di dare risposte a più iniziative possibili". 
Il bando a firma del direttore Salvo Cocina metteva a disposizione circa 16 milioni per la costruzione dei nuovi impianti e 5 milioni per migliorare quelli già esistenti. I Ccr dovranno rispettare le norme a tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e non dovranno creare rischi per aria, suolo, acqua, fauna e flora, e non creare rumori e odori. Dovranno anche essere previste adeguata viabilità, pavimentazione impermeabilizzata, recinzione e barriere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo ricovero per coronavirus al Policlinico, una cinquantenne in arrivo da Patti: due impiegati in isolamento

  • Milazzo, secondo giorno di ricerche di Aurelio Visalli: città sotto choc

  • Nonno positivo al Covid, tre alunni della "Catalfamo" in quarantena

  • Si tuffano in mare a Milazzo nonostante la burrasca, ragazzi in balìa delle onde: un disperso tra i soccorritori

  • Disperso della Guardia Costiera, il testimone che ha allertato i soccorsi: "L'ho visto galleggiare e trascinato a largo"

  • Milazzo, il mare restituisce il corpo di Aurelio Visalli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento