rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Cronaca

Fumata nera per il traghettamento veloce sullo Stretto, esclusa la Liberty Lines

Il gruppo armatoriale era l'unico ad aver presentato una offerta per il servizio svolto in questi anni dalla società pubblica Blue jet

Liberty Lines esclusa dalla gara per il servizio di trasporto via aliscafi tra Messina e Reggio Calabria svolto fino ad oggi dalla società Blu Jet.

A firmare il provvedimento, il responsabile Funzione Investimenti Pubblici dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, Giancarlo Mastinu.

Il gruppo armatoriale era stato l'unico a presentare un'offerta nella gara del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile e gestita da Invitalia, il cui termine è scaduto il 28 febbraio.

Sul tavolo 37 milioni di euro necessari a garantire i servizi di trasporto veloce di passeggeri tra Messina e Reggio Calabria e viceversa per i prossimi cinque anni in regime di continuità territoriale.

Nei giorni scorsi i sindacati avevano manifestato forti perplessità sul futuro dei lavoratori Blujet accendendo i riflettori sul problema occupazionale legato a 47 lavoratori marittimi che ad oggi non hanno specifiche tutele contrattuali.

La decisione lascia quindi nella precarietà un servizio essenziale per lo Stretto ma potrebbe aprire ora nuove anche prospettive per un rilancio del servizio da parte di Bluferries.

Restano da chiarire le cause dell’esclusione della Liberty Lines che attende dati ufficiali anche per fare le proprie valutazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fumata nera per il traghettamento veloce sullo Stretto, esclusa la Liberty Lines

MessinaToday è in caricamento