Cronaca

Mafia dei Nebrodi, ispezione al Comune di Tortorici dopo l'arresto del sindaco

Si è insediata la commissione di indagine incaricata dal Prefetto su delega del ministro dell'Interno di compiere approfonditi accertamenti per verificare l'eventuale sussistenza di collegamenti con la criminalità organizzata

Emanuele Galati Sardo

Il prefetto di Messina Maria Carmela LIbrizzi ha disposto su delega del ministro dell'Interno, l'accesso ispettivo antimafia nel Comune di Tortorici, al centro della bufera giudiziaria dopo gli arresti per mafia che hanno pesantemente coinvolto le cosche dell'hinterland e portato all'arresto anche del sindaco Emanuele Galati Sardo.

Il prefetto ha nominato una commissione di indagine incaricata di compiere approfonditi accertamenti per verificare l'eventuale sussistenza di collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o di forme di condizionaento dell'ente locale.

L'attività ispettiva della Commissione d'indagine, insediatasi nella mattinata, sarà supportata da personale di polizia e dovrà essere perfezionata entro tre mesi dall'insediamento, periodo prorogabile, in caso di necessità, per ulteriori tre mesi.

Il provvedimento potrebbe essere preludio allo scioglimento del Comune dove il sindaco - scarcerato dopo l'interrogatorio del Gup - è tornato a svolgere la sua funzione. Galati Sardo è accusato di concorso esterno all'associazione mafiosa dei tortoriciani e una serie di truffe legate all'operazione Nebrodi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia dei Nebrodi, ispezione al Comune di Tortorici dopo l'arresto del sindaco

MessinaToday è in caricamento