rotate-mobile
Cronaca

Vince il concorso in Atm con trentuno punti al colloquio e zero nei titoli, il consigliere Zante spedisce gli atti in procura

L'esponente del cenrrodestra ricevuta la replica dell'azienda a un'interrogazione ha deciso di chiedere verifiche alla magistratura. Sotto analisi la selezione per dieci posti con contratti di apprendistato

Sarà la procura a valutare se il concorso in Atm per dieci posti con contratto di apprendistato sia stato o meno regolare. Il consigliere comunale Dario Ugo Zante ha infatti annunciato in aula dopo aver presentato un'interrogazione e ricevuta la replica dal presidente dell'azienda Campagna e dal direttore generale Iozzi che tutti gli atti sul caso sono stati consegnati alla magistratura. 

Sotto analisi in particolare la vittoria di un candidato che ha totalizzato 31 punti generali e ritenuti non idonei candidati con punteggi finali anche più alti come 50. Secondo Atm: "Per tutti i profili non saranno ritenuti idonei i candidati che avranno conseguito un punteggio al colloquio inferiore a punti 30. Nel caso di specie, dalla lettura della graduatoria è facilmente rilevabile che i candidati con punteggio complessivo finale pari a 50 hanno conseguito punti 30 per titoli preferenziali e solo punti 20 al colloquio, insufficienti a conseguire l'idoneità. Contrariamente il candidato con punteggio complessivo finale pari a 31 pur in mancanza di titoli preferenziali (punti 0) ha conseguito punti 31 al colloquio risultando pertanto idoneo al profilo selezionato". 

In allegato la risposta integrale di Atm al consigliere Zante. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vince il concorso in Atm con trentuno punti al colloquio e zero nei titoli, il consigliere Zante spedisce gli atti in procura

MessinaToday è in caricamento