Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Coronavirus, oltre cento le case di riposo da monitorare: consegnato un vademecum con le regole da seguire

Il Covid Team del Policlinico ha già inviato una guida sulle misure di prevenzione da adottare ma saranno passate ai raggi x per verificare le condizioni di salute degli ospiti e del personale effettuando i tamponi. Sgomberata la “San Martino”

Sono oltre cento del case di riposo a Messina e provincia che dovranno essere monitorate. Alle strutture, il Covid Team del Policlinico ha già inviato un vademecum sulle misure di prevenzione da adottare ma saranno passate ai raggi x per verificare le condizioni di salute degli ospiti e del personale (effettuando i tamponi rino-faringei) e anche il rispetto delle disposizioni ministeriali relative all'epidemia.

La decisione in seguito agli episodi ce hanno messo i evidenza come le strutture siano l’anello debole nella catena dei provvedimenti sul contenimento dei contagi.

Un dramma da Nord a Sud, dove si conta il maggior numero delle vittime. A Messina la guerra è scoppiata nella casa di riposo di via Primo Settembre, facendo lievitare il numero dei decessi in città.

Intanto, il Covid Team ha ultimato le operazioni di sgombero della casa di riposo "San Martino" di Messina, di ricollocazione degli ospiti risultati negativi e di ricovero di quelli positivi.

Nella casa di riposo "San Martino", completata l'analisi dei tamponi, sono risultati positivi al coronavirus cinque ospiti, che sono stati ricoverati presso il Covid Hospital del Policlinico di Messina. Una sesta persona, anch'essa positiva, era stata ricoverata nei giorni scorsi ed è purtroppo deceduta in ospedale. È risultata negativa, invece, un'anziana che era stata condotta al triage infettivologico la scorsa notte. Lo screening sul personale ha permesso di rilevare altri due casi positivi.

La struttura è stata sgomberata. I restanti sei ospiti risultati negativi sono stati sistemati in un'altra residenza cittadina, dove viene garantita loro la necessaria assistenza. Si procederà ora alla sanificazione della casa di riposo "San Martino".

Il vademecum consegnato alle case di riposo

Per quanto riguarda invece il vademecum consegnato dal coordinatore per l'emergenza Covid dell'area metropolitana di Messina, Giuseppe Laganga, ai soggetti interessati delle case di riposo censite, si comunica che coloro che non lo riceveranno perchè escluse dal censimento, possono comunque richiederlo inviando una mail all'indirizzo: ente.attuatorecovid@polime.it.

Inoltre, sono stati disposti accertamenti per individuare quelle case di riposo che dovessero eventualmente cercare di sottrarsi ai controlli.  La misura, che si affianca alle disposizioni ministeriali già introdotte da diverse settimane, tende a rafforzare ulteriormente le azioni di prevenzione. Il documento è stato redatto dal professore Giuseppe Nunnari e dal dottore Emmanuele Venanzi Rullo (Università degli Studi di Messina) e dal professore Bruno Cacopardo e dalla dottoressa Manuela Ceccarelli (Università degli Studi di Catania).

Si tratta di un decalogo che prevede innanzitutto, all'interno di ciascuna struttura, la nomina di un responsabile del biocontenimento, il quale dovrà sovrintendere a tutte le procedure. Bisognerà, poi, garantire una "tracciabilità" degli operatori sanitari e di tutto il personale, anche attraverso l'effettuazione di tamponi ogni 15 giorni. Gli stessi operatori dovranno essere sottoposti a formazione teorico-pratica riguardante il corretto uso e smaltimento dei dispositivi di protezione individuale, che dovranno utilizzare. Prevista l'effettuazione del tampone ogni 15 giorni pure per gli ospiti.

Andranno implementati, poi, l'igiene personale (in particolare il lavaggio delle mani) e la pulizia delle strutture.

Divieto assoluto, ovviamente, di visite dall'esterno di parenti e conoscenti (a tal proposito viene incoraggiato l'utilizzo di mezzi informativi come i tablet, al fine di garantire comunque – ad esempio attraverso videochiamate – il contatto tra gli ospiti e i loro familiari). Vietata, infine, l'organizzazione di attività ludiche e ricreative e la somministrazione dei pasti in ambienti comuni.

articolo modificato il 6 aprile alle 14.42 // aggiunti dettagli vademecum

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, oltre cento le case di riposo da monitorare: consegnato un vademecum con le regole da seguire

MessinaToday è in caricamento