menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Vito

Francesco Vito

Coprifuoco ai professionisti, i commercialisti esultano dopo la sospensiva del Tar: “E' stato inutile e infondato”

Francesco Vito, presidente siciliano dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti, commenta la decisione del Tribunale amministrativo: “Il sindaco riveda le sue posizioni, si rischia di sperperare il denaro dei contribuenti per far fronte ai probabili contenziosi”

"Il Tar di Catania ha dato ragione alle nostre critiche e certificato le nostre ragioni".  Francesco Vito, presidente siciliano dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti, commenta così la sospensiva dell'ordinanza 399/2000 del sindaco di Messina che impone la chiusura alle 19 per i professionisti, da parte del Tribunale Amministrativo Regionale. Il responsabile dei commercialisti siciliani era intervienuto sul “coprifuoco professionale" contestandone l'utilità e la fondatezza, tutte "critiche" che il Tar ha ribadito.

Francesco Vito ricorda le enormi difficoltà che a causa dell’emergenza attraversano le imprese e i contribuenti e l’estenuante lavoro che i consulenti fiscali stanno portando avanti per supportarli. Con le scadenze all’orizzonte, il 30 novembre l’autotassazione e il 10 dicembre le rate della rottamazione del saldo e stralcio. "L'impossibilità di incontrare i clienti dopo le 19 avrebbe rischiato di paralizzare l’attività dei commercialisti. Era evidente che l'ordinanza non fosse legittima: il sindaco non può intervenire sulle categorie professionali e non c'erano ragioni sanitarie che la motivassero. Come abbiamo sostenuto, non era utile ma anzi dannosa. Lo sanno bene le tante partite iva, i commercianti, gli imprenditori e i contribuenti che insieme a noi stanno facendo i salti mortali per arrivare a fine anno", dice Vito. "Adesso, come avevamo preannunciato, si rischia di sperperare il denaro dei contribuenti per far fronte ai probabili contenziosi. Il sindaco riveda le sue posizioni, anche per le altre categorie produttive, alla luce del provvedimento del ministro Speranza che ci porta in zona gialla".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento