Cronaca

L'ex scuola intitolata a "Nicholas Green" anzi no, doppio insulto alla memoria: la denuncia della Terza municipalità

Dopo l'invito a bonificare l'area e a togliere la denominazione, il quartiere scopre anche che non risulta alcuna delibera di intitolazione dell’immobile al piccolo statunitense. Reiterata la richiesta "per la tutela e la salvaguardia del territorio"

Una bomba ad orologeria e un insulto alla memoria. E’ quanto emerge dalla nota del presidente della Terza Municipalità, Alessandro Cacciotto che si è intestato una vera e propria battaglia per il recupero dell’ex plesso scolastico di Valle degli Angeli Nicholas Green.

L’istituto che porta il nome del piccolo statunitense, vittima a sette anni di un assassinio sull'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria mentre era diretto in Sicilia durante un viaggio in Italia con la famiglia.

La decisione dei suoi genitori di donare i suoi organi, contribuì a sensibilizzare l'opinione pubblica italiana sul tema della donazione degli organi.

Da parecchi anni la scuola è in disuso, in preda ai vandalici, trasformata ormai in discarica. “All’interno materiali di risulta, materiali ingombranti, rifiuti di ogni genere, comprese siringhe sporche di sangue”, scrive Cacciotto. Già a novembre del 2022 l’amministrazione era stata invitata a bonificare l’area interna ed esterna dello stabile, recintare l’area esterna della ex scuola, chiudere i varchi interni di accesso dell’immobile, installare telecamere di video sorveglianza nell’area della ex scuola Nicholas Green, eliminare la denominazione “Nicholas Green”, dalla ex scuola per i motivi sopra esposti, fornire informazioni circa eventuali progettualità da adottare con riferimento alla ex scuola.

“A fronte della delibera esitata e trasmessa, l’unica risposta fornita alla Terza Municipalità è stata quella relativa alla denominazione – scrive Cacciotto - In particolare con una nota introitata dalla Terza Municipalità in data 15 febbraio 2023, il Dipartimento Toponomastica ha fatto sapere che agli atti del suddetto Ufficio, “non risulta alcuna delibera di intitolazione dell’immobile comunale alla figura di Nicholas Green e che è desumibile che tale intestazione sia stata il frutto di una reazione emotiva ad un evento che ha colpito ed al contempo sensibilizzato l’opinione pubblica dell’epoca al valore della donazione degli organi”.

Stante la situazione, il Consiglio della Terza Municipalità oggi ha invitato per l’ennesima volta l’Amministrazione Comunale a predisporre tutto quanto necessario per la tutela e salvaguardia del territorio ed la rivalutazione di un’immobile in preda al degrado e caduto nel dimenticatoio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex scuola intitolata a "Nicholas Green" anzi no, doppio insulto alla memoria: la denuncia della Terza municipalità
MessinaToday è in caricamento