L'oculista disperso cinque giorni nei boschi, racconterà la sua odissea al magistrato

E' ancora ricoverato all'ospedale di Sant'Agata Militello in ipotermia, il pensionato ritrovato stamattina dagli agenti della forestale. L'abbraccio dei figli e della moglie dopo giorni di angosce

Francesco Faro con la coperta isotermica

In Avventurosamente.it c’è un tizio intenzionato a farsi cinque giorni di sopravvivenza nei boschi di Trento. Parte preparato con corde e coperte e chiede consigli su come procacciarsi il cibo.

Certo sarà interessante parlarne con Francesco Faro, il pensionato 74enne disperso sui Monti Nebrodi da cinque giorni e ritrovato stamane vivo e cosciente dagli uomini del Corpo forestale della Regione Siciliana.

Non subito certo. Ma fra qualche giorno, quando si sarà ripreso, l'oculista di origini calabresi, da tempo residente a Messina, rintracciato verso le 8.30 in località San Costantino a Caronia, a circa sei chilometri da dove aveva lasciato l'auto venerdì scorso, avrà di sicuro tanto da raccontare.

Stamattina aveva chiamato la moglie per dirle non non andare a Sant’Agata, che lui stava bene e che sarebbe tornato subito a casa. Una volontà ferrea, una voglia di tornare subito a casa, che ha ribadito ai figli che lo hanno raggiunto all’ospedale di Sant’Agata di Militello dove nel tardo pomeriggio di oggi è arrivata anche la moglie dal momento che i tempi per i controlli e le analisi per verificare le condizioni di salute psico-fisica del medico si sono allungati.

Intanto non è escluso l’arrivo di un magistrato per parlare con l’oculista e provare a riscostruire insieme la dinamica di quanto accaduto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Francesco Faro è ancora disidratato e in ipotermia, ma il calore in queste ore e l’affetto non è mancato. I valori non sono rientrati tutti nella norma ma in serata, ed è stato trasferito a Messina come desiderava, in ambulanza, per raggiungere una clinica privata e restare sotto controllo medico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, l'ex tronista Munafò denuncia troppa superficialità a Milazzo: “Non toccate mio figlio”

  • Onda anomala travolge barca, quattro pescatori finiscono in mare

  • Il teatro messinese piange la morte di Donatella Venuti

  • Falcone a lutto, non ce l'ha fatta Luca Minato ferito dall'esplosione della bombola di gas

  • Incendio in abitazione sul Boccetta, residenti e vicini riescono a salvarsi

  • Incidente nella notte sulla Palermo-Messina, muore una 51enne: cinque i feriti

Torna su
MessinaToday è in caricamento