rotate-mobile
Cronaca

Il voto all'Ordine dei giornalisti, risultati e preferenze in Sicilia: eletti i pubblicisti, al ballottaggio i professionisti

Santino Franchina viene riconfermato consigliere nazionale; Salvatore Li Castri, Salvatore Di Salvo e Tiziana Caruso conquistano un seggio al regionale. Roberto Immesi eletto tra i revisori. Nessuno dei professionisti supera il quorum, eccetto il revisore Vittorio Corradino. Il 3 e il 4 novembre online e il 7 novembre in presenza si torna alle urne

Eletti al primo turno i pubblicisti, al ballottaggio i professionisti: è questo il responso delle urne nella seconda convocazione delle elezioni per il rinnovo del Consiglio nazionale dell'Ordine, del Consiglio regionale e del Collegio dei Revisori dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia.   

Dopo il voto online del 20 e 21 ottobre scorsi, ieri votazione in presenza nella sede regionale dell'Ordine a Palermo e nei seggi distaccati di Catania e Messina. Alta la partecipazione dei giornalisti professionisti chiamati alle urne: in 704 su 1.012 (69%) hanno votato tra modalità online e in presenza; mentre fra i pubblicisti l'affluenza è stata di 869 aventi diritto su 3.533 (24%).

Tra i professionisti l'unico ad aver superato il quorum è stato Vittorio Corradino, eletto con 311 preferenze nel Collegio dei revisori. Al ballottaggio altri due candidati ai revisori su tre: Viviana Sammito (218 voti) e Salvatore Messina (189). Niente da fare per Antonino Ingallina, che si è fermato a 166 voti. Bianche e nulle 112.

Per quanto riguarda il Consiglio regionale, nessuno dei candidati ha superato lo scoglio del quorum (fissato a 340). In 12 andranno così al ballottaggio: si tratta di Filippo Mulè (273 voti), Francesco Nicastro (272), Roberto Gueli (268), Daniele Ditta (242), Eliana Marino (230), Fortunato Cavaleri (226), Filippo Romeo (216), Daniele Lo Porto (214), Angela Katia Scapellato (214), Tiziana Martorana (197), Maria Torrisi (178) ed Elisabetta Raffa (142). Due voti per Arena, uno a testa per Ferro, Sammito, Mineo, Pensavalli, Giuffrida, Aurite, O. Raffa e Midili; 17 le schede bianche e 8 quelle nulle.

Al Consiglio nazionale il più votato in Sicilia è stato Giulio Francese, presidente uscente del Consiglio regionale, che ha ottenuto in totale 305 preferenze. Che però non sono bastate a superare il quorum fissato a 330 voti. Francese andrà al ballottaggio assieme a Riccardo Arena (293 voti), Orazio Raffa (196) e Salvatore Ferro (155), bianche e nulle 47. 

Exploit dei pubblicisti, con Santino Franchina che viene riconfermato consigliere nazionale con 670 voti. Non va oltre le 42 preferenze Luciano Calì; schede bianche e nulle 60. Conquistano un posto al Consiglio regionale invece Salvatore Li Castri (690 voti), Salvatore Di Salvo (603), Tiziana Caruso (580); 18 i voti per Virgillito, uno a testa Immesi, Marchese, Santoro, Genova, Pirracchio, Spalletta, Borgese, bianche e nulle 40. Eletto per i Revisori dei conti pubblicisti Roberto Immesi con 594 voti; solo 13 per Giuseppe Arpi, bianche e nulle 90.

Il ballottaggio si svolgerà nella modalità online il 3 e il 4 novembre dalle 10 alle 20, mentre in presenza domenica 7 novembre dalle 10 alle 18 nei seggi di via Bernini 52 a Palermo, dell'hotel Nettuno in viale Lauria 121 a Catania e in piazza Antonello 3 a Messina (sala stampa).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il voto all'Ordine dei giornalisti, risultati e preferenze in Sicilia: eletti i pubblicisti, al ballottaggio i professionisti

MessinaToday è in caricamento