rotate-mobile
Cronaca Milazzo

Multe a raffica al semaforo, dopo le proteste interviene il sindaco: "Sanzioni a volte eccessive"

A Milazzo l'installazione del photored sull'asse viario ha fatto aumentare il numero di verbali. Ma a volte basta solo un cambio di corsia per far scattare i sensori. Midili: "Si punisca solo chi passa col rosso, non tutti sono nelle condizioni di pagare"

Multe a raffica e automobilisti inferociti. Succede a Milazzo dopo l'installazione del photored lungo l'asse viario, un sistema che permette di fotografare le auto che passano con il semaforo rosso. Ma a volte basta un semplice cambio di corsia per incorrere nella sanzione anche se non si commette alcun gesto che possa provocare incidenti. Un limite al sistema elettronico riconosciuto anche dal sindaco Pippo Midili che è intervenuto dopo le numerose proteste dei suoi concittadini.

"Da sindaco - si legge nella nota - oggi ho deciso di intervenire perché rientra certamente tra i miei compiti quello di tutelare e salvaguardare in tutti i modi i miei concittadini. Anche quando gli stessi commettono delle infrazioni che però non creano danni o pericoli evidenti e per le quali poi vengono colpiti in maniera che reputo eccessiva. Non è mio compito giudicare ed interpretare le norme - prosegue ? ma credo che una famiglia oggi non sia nelle condizioni di poter essere esposta a pagamenti notevoli e con la ulteriore aggravante di non poter utilizzare la patente per chissà quanto tempo. Lo trovo spropositato ed è per questo che chiedo, così come fatto anche per le vie formali, al Comando di Polizia Locale che si trovi una soluzione che vada oltre le interpretazioni normative che ritengo siano competenza dei giudici e non certo dei cittadini o del Sindaco o del comando di Polizia locale. Nella fattispecie, credo che il Comando di polizia municipale sia nelle condizioni di stabilire, attraverso la visione dei fotogrammi, quanti siano i cittadini che hanno commesso infrazione di cambio corsia e quanti invece hanno deliberatamente attraversato gli incroci dell?asse viario con il rosso sulla corsia di percorrenza successivamente al semaforo". 

"Senza entrare nel merito di quale sia la norma corretta da applicare - prosegue Midili - da sindaco e nell?interesse dell?intera cittadinanza - sottolinea ancora Midili - ritengo utile uno sforzo da parte del Comando di Polizia locale nell?individuare una soluzione percorribile che eviti preoccupazioni, crisi economiche e perdita di patente a quei cittadini che, pur commettendo una infrazione, hanno però fatto solo un cambio corsia. Sono certo che una soluzione verrà individuata e che tutto potrà essere risolto già nelle prossime giornate evitando quindi cospicui pagamenti e perdita di tantissimi punti agli automobilisti del cambio corsia. Faccio appello anche a Sua Eccellenza il Prefetto di Messina perché comprenda i motivi che mi hanno spinto a questo intervento, conoscendo il forte senso di sensibilità che ha per le problematiche sociali. Sulle fantasiose note lette in questi giorni, rispetto ad azioni compiute per fare cassa, ad iniziative intraprese per raggiungere fantomatici obiettivi per guadagnare percentuali inesistenti, lascio all?intelligenza della gente stabilire quanto valgano queste illazioni avanzate da soggetti che certamente avrebbero potuto impiegare meglio il proprio tempo. Come amministrazione - conclude il sindaco - abbiamo sin da subito creato azioni miranti a far risparmiare i cittadini e ad essere vicine alle loro esigenze in campo economico. La politica dell?Amministrazione non è certamente cambiata e sono certo che i funzionari ed i Dirigenti del Comune saranno sempre pronti a seguire l?azione politica intrapresa, pur nella consapevolezza e nel rispetto dei diversi ruoli?.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe a raffica al semaforo, dopo le proteste interviene il sindaco: "Sanzioni a volte eccessive"

MessinaToday è in caricamento