Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

E' morto Silvio Berlusconi: le amicizie siciliane, la scalata e lo scandalo a sfondo sessuale partito da Messina

L’ex presidente del Consiglio, leader di Forza Italia e fondatore di Mediaset aveva 86 anni

E'morto Silvio Berlusconi. L'ex presidente del Consiglio si è spento oggi, 12 giugno 2023, all'ospedale San Raffaele di Milano dove era ricoverato da venerdì. Aveva 86 anni. In mattinata, il fratello Paolo e i figli erano accorsi in ospedale, dove già si trovava Marta Fascina. Berlusconi si trovava nella struttura milanese per accertamenti legati alla leucemia mielomonocitica cronica di cui soffriva da tempo. In precedenza, ad aprile, l'ex presidente del Consiglio Berlusconi era stato ricoverato dodici giorni in terapia intensiva, sempre al San Raffaele, per poi essere spostato in un reparto ordinario da cui era stato dimesso il 19 maggio.

Riassumere in poche righe chi è stato Berlusconi è difficile. Ex primo ministro, ma anche imprenditore. Una figura controversa (non particolarmente benvoluto dal centrosinistra), finì al centro di diverse inchieste della procura di Milano, tanto che più volte disse di sentirsi perseguitato dalla giustizia italiana. Celebri furono le su gaffe con i potenti del mondo (tra questi Barack Obama, Angela Merkel, solo per citarne alcuni).

L'inizio dell'impero Berlusconi

L'ascesa di Berlusconi iniziò negli anni Sessanta con l'Edilnord, società con la quale costruì un intero quartiere di Brugherio. Successivamente costruì altri complessi come Milano2 (Segrate) e Milano3 (Basiglio). Dopo l'esperienza in campo edilizio, Berlusconi allargò il proprio raggio d'affari anche al settore della comunicazione e dei media. Nel 1976 rilevò Telemilano, televisione via cavo che serviva le abitazioni di Milano2; emittente che due anni dopo fu rinominata Canale5. Successivamente si aggiunsero Rete4 (rilevata da Mondadori) e Italia1 (rilevata da Rusconi). Un anno prima della sua discesa in campo, nel 1993, nacque Fininvest, società nella quale conversero Arnoldo Mondadori Editore e Silvio Berlusconi Communications. Nel frattempo diventò presidente del Milan, e durante la sua stagione il club ottenne risultati memorabili (7 scudetti e 5 Champions League, solo per citarne alcuni).

I rapporti con la mafia, Dell'Utri e Mangano

Diverse sono le ricostruzioni sulle "amicizie palermitane" di Berlusconi. Nella prima metà degli anni settanta la criminalità organizzata di stanza a Milano organizzava numerosi sequestri di persona a scopo di estorsione. In questo contesto, nel luglio 1974, tramite l'avvocato palermitano Marcello Dell'Utri (all'epoca collaboratore di Berlusconi), Vittorio Mangano fu "chiamato a svolgere la funzione di "garanzia e protezione", a tutela della sicurezza del suo datore di lavoro e dei suoi più stretti familiari, in un momento in cui si era deciso il trasferimento di Berlusconi nella tenuta di Arcore, appena acquistata", come si legge nella pagina Wikipedia di Berlusconi.

Il cordoglio della politica siciliana per la morte di Berlusconi, Schifani: "Perdo un grande amico"

Secondo i magistrati, dunque, Berlusconi "temeva che i suoi familiari fossero oggetto di sequestri di persona", e perciò Dell'Utri si adoperò "per l'assunzione di Vittorio Mangano presso la villa di Arcore [...] quale “responsabile” (o “fattore” o “soprastante” che dir si voglia) e non come mero “stalliere”, pur conoscendo lo spessore delinquenziale dello stesso Mangano sin dai tempi di Palermo (ed, anzi, proprio per tale sua “qualità”), ottenendo l'avallo compiaciuto di Stefano Bontate e Teresi Girolamo, all'epoca due degli “uomini d'onore” più importanti di “cosa nostra” a Palermo". Secondo quanto testimoniato da Fedele Confalonieri, subito dopo l'allontanamento di Mangano da Arcore, Berlusconi aveva ricevuto delle lettere con minacce: "Proprio a causa di quelle minacce - dichiarò Confalonieri -, Berlusconi prese la sua famiglia e la portò prima in Svizzera; io mi ricordo che andammo anche a accompagnarlo con Marcello Dell'Utri a Nyon, che è vicino a Ginevra. Credo che poi stettero lì un paio di settimane o tre settimane e poi andarono nel sud della Spagna, a Marbella e stettero lì qualche mese". Nelle indagini dell'epoca gli autori dell'attentato restarono ignoti; "è risultato, invece, dal contenuto di conversazioni telefoniche intercettate circa 11 anni dopo, in occasione di un secondo attentato commesso in data 28 novembre 1986 ancora ai danni della stessa villa di via Rovani, che da parte di Silvio Berlusconi e di Marcello Dell'Utri non vi fossero dubbi in merito alla riconducibilità dell'attentato del 1975 proprio alla persona del Mangano".

La procura di Palermo ha indagato su Silvio Berlusconi e su Marcello Dell'Utri dal 2 gennaio 1996 per concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio di denaro. Nel 1997 la posizione di Berlusconi è stata archiviata al termine delle indagini preliminari, che erano state prorogate per la massima durata prevista dalla legge, mentre Dell'Utri è stato rinviato a giudizio.

Al processo di Marcello Dell'Utri per concorso esterno in associazione mafiosa, la Cassazione ritiene pienamente confermato l'incontro tra Berlusconi, Dell'Utri e i capimafia Francesco Di Carlo, Stefano Bontate e Mimmo Teresi, testimoniato dallo stesso Di Carlo, attualmente collaboratore di giustizia, e di cui ha parlato anche Galliano, un altro collaboratore. L'incontro sarebbe avvenuto nel 1974 in foro Bonaparte a Milano, dove venne presa la “contestuale decisione di far seguire l'arrivo di Vittorio Mangano presso l'abitazione di Berlusconi in esecuzione dell'accordo” per la protezione ad Arcore. La Corte parla “senza possibilità di valide alternative di un accordo di natura protettiva e collaborativa raggiunto da Berlusconi con la mafia per il tramite di Dell'Utri che, di quella assunzione, è stato l'artefice grazie anche all'impegno specifico profuso da Cinà”.

Il 22 agosto 2013 l'ex boss di Cosa Nostra Totò Riina, in un dialogo durante l'ora d'aria con il co-detenuto Alberto Lorusso ripreso dalle telecamere del carcere di Opera, fa numerose dichiarazioni su Dell'Utri e Berlusconi, rivelando che quest'ultimo dagli anni ottanta pagava il pizzo a Cosa Nostra per ottenere in cambio dei favori reciproci e futuri, 250 milioni di lire ogni sei mesi.

La discesa in campo

Silvio Berlusconi entrò nella scena politica italiana dopo la maxi inchiesta Mani Pulite guidata dalla procura di Milano, inchiesta che sancì la fine del Partito socialista italiano e della Democrazia Cristiana. Nel 1994 nacque Forza Italia, partito di connotazione liberale che si è sempre collocato nel centrodestra. Berlusconi è stato uno dei più grandi comunicatori politici dell'Italia contemporanea e contribuì a polarizzare l'elettorato. Suoi sono i governi che sono rimasti in carica per più tempo: Berlusconi II, dal 2001 al 2005 (1.412 giorni) e Berlusconi IV dal 2008 al 2022 (1.287 giorni).

Durante gli anni 2000, Silvio Berlusconi ha diviso l'Italia in due schieramenti: coloro che lo hanno sempre amato, seguito e sostenuto, e coloro che lo hanno sempre visto come un nemico, demonizzandolo come un uomo capace di mettere in discussione il sistema democratico. In questo clima incandescente, nel 2009, dopo un comizio tenuto in piazza del Duomo a Milano, Berlusconi è stato colpito al volto da una riproduzione del Duomo, lanciata da un uomo affetto da problemi psichici a breve distanza, riportando diverse ferite al viso e la frattura del setto nasale e di due denti nella parte superiore dell'arcata dentaria.

L'inizio della fine

Il 2013 è stato l'inizio della fine di Berlusconi. Mentre era rinata Forza Italia, nell'agosto 2013 è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione per frode fiscale, nell'ambito del cosiddetto processo Mediaset iniziato a metà anni Zero del Duemila. La condanna ha sancito (anche) la sua decadenza da senatore. E senza di lui il partito-azienda ha perso voti e consenso, finito nella Lega di Matteo Salvini e Fratelli d'Italia, partito guidato da Giorgia Meloni.

Ruby "rubacuori", prescritto il reato per Ester Fragata riqualificato dalla Cassazione

Non solo, anche gli scandali sessuali hanno contribuito alla fine della sua carriera politica. Il più clamoroso è quello a sfondo sessuale partito da Messina nel 2010, quando la polizia di Milano fermò per furto la minorenne marocchina Karima El Mahroug detta Ruby Rubacuori. Accertata la minore età della ragazza, il magistrato dispose l'affidamento secondo le normali procedure. Tuttavia fu una telefonata di Berlusconi in questura a cambiare tutto, sostenendo che la giovane fosse la nipote dell'allora presidente egiziano Hosni Mubarak. Un fatto rivelatosi poi falso. Ruby ha dichiarato di essere stata più volte ospite di Berlusconi nella sua residenza di Arcore e di aver ricevuto denaro in tali occasioni.

Ritenendo che quel denaro fosse stato il compenso per prestazioni sessuali, a gennaio 2011 la procura di Milano ha contestato a Berlusconi i reati di concussione e prostituzione minorile. È la vicenda che ha catapultato Berlusconi alla ribalta delle cronache. Tanto clamore ma nessuna condanna: Berlusconi fu assolto da ogni accusa.

Fonte: PalermoToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto Silvio Berlusconi: le amicizie siciliane, la scalata e lo scandalo a sfondo sessuale partito da Messina
MessinaToday è in caricamento