Operazione Flower, scena muta degli indagati davanti al gip

Bocche cucite per sette dei nove indagati durante gli interrogatori di garanzia. I confronti proseguiranno anche oggi. Intanto la polizia resta sulle tracce di Giovanni De Luca, ancora ricercato

Bocche rigorosamente cucite da parte degli indagati arrestati nell'ambito dell'operazione Flower che sgominato una banda criminale che controllava il servizio di vigilanza nei locali della movida, organizzando risse per intimidire i gestori dei locali. 

Davanti al giudice per le indagini preliminari Monica Merlino hanno risposto alle domande solo Vincenzo Gangemi e Domenico Mazzitello. 

Si sono invece avvalsi della facoltà di non rispondere gli altri sette indagati Giovanni Lo Duca, Kevin Schepis, Giuseppe Esposito, Vincenzo Gangemi, Domenico Mazzitello, Eliseo Fiumara,  Andrea Fusco, Placido Arena e Antonino Rizzo.

Intanto, gli investigatori sono sulle tracce di Giovanni De Luca, ancora ricercato. De Luca è considerato dalle forze dell'ordine,  uno dei componenti della cabina di regia che organizzava le aggressioni nei locali della movida. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 113, muore un infermiere del Policlinico

  • Malore fatale per addetto alla sicurezza della Caronte-Tourist, storico Volontario della Misericordia

  • Cade da un ponteggio, muore operaio in un cantiere a Venetico

  • Sarà seppellito a Cinquefrondi Alessandro Aimola, il Volontariato messinese in Cattedrale

  • Fase 2, le regole da seguire su auto e moto per evitare multe

  • Niente più vocazioni, le Suore Figlie della Carità lasceranno Messina e il Collereale dopo 118 anni

Torna su
MessinaToday è in caricamento