rotate-mobile
Cronaca

Risanamento, due milioni di euro per bonifiche e acquisto di alloggi

Con due decreti, ultimi in ordine di tempo, il commissario Cosima Distani ha stanziato le somme per ripulire dall'amianto le zone interessate. Tredici gli appartamenti che Arismè trasferirà ad altrettante famiglie. Il commento soddisfatto della deputata Siracusano

L'ultimo decreto del commissario straordinario per l'emergenza Risanamento, il prefetto Cosima Di Stani, porta la data del 16 settembre. Destinato alla società Invitalia poco più di un milione di euro per la demolizione, bonifica amianto e trasporto dei rifiuti  nelle zone interessate dalle casette. La Di Stani, il 16 settembre, ha anche disposto la costituzione dell'ufficio procedimenti disciplinari nei confronti del personale di supporto. Sono gli ultimi atti della prefettura che dopo il passaggio di poteri da Arisme, l'agenzia comunale per il Risanamento, si sta occupando di proseguire i programmi avviati dal Comune. 

Con un altro decreto, sempre in data 16 settembre, il commissario straordinario ha trasferito ad Arismè 1.066.657,56 ero per l'acquisto di tredici immobili da destinare ad altrettante famiglie in attesa di alloggio. 

Sui programmi di Risanamento la deputata di Forza Italia Matilde Siracusano commenta così: “In queste settimane stiamo assistendo ad una decisa accelerazione degli interventi per il risanamento delle zone più disagiate di Messina e delle iniziative per l’acquisto e la realizzazione di ulteriori nuove unità immobiliari per le famiglie che vivevano o ancora oggi vivono nelle baraccopoli.
Tanti milioni di euro stanziati - e già trasferiti da Invitalia ad Arisme - decine di abitazioni pronte per centinaia di cittadini messinesi, il prefetto Cosima Di Stani messa nelle condizioni, nel suo ruolo di commissario straordinario per il risanamento, di poter operare in modo celere e deciso. Sono orgogliosa di questa realtà e di questo stato dell’arte. Nella legislatura che sta per concludersi il Parlamento ha approvato una legge storica, quella per lo stop alle baracche della città dello Stretto, con la quale sono stati destinati 100 milioni di euro per la riqualificazione di vaste aree di Messina. E non è finita qui. Per la zona Falcata abbiamo già ottenuto una norma ad hoc, finanziata con 20 milioni di euro - conclude la Siracusano - per interventi immediati e dedicati, e continueremo a lavorare in Parlamento anche nella prossima legislatura per risolvere tanti grandi e storici problemi di Messina. I miei concittadini, con il loro voto del prossimo 25 settembre, potranno contribuire attivamente alla continuità dei progetti avviati in questi anni e alla rinascita della nostra città. Avanti così”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Risanamento, due milioni di euro per bonifiche e acquisto di alloggi

MessinaToday è in caricamento