rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Salme in attesa della tumulazione, "guerra" di numeri tra Uil e Comune

Nuovo botta e risposta tra il sindacato e all'assessore al ramo Massimiliano Minutoli

A distanza di un anno torna la querelle tra Uil e Comune sul numero di salme in attesa di tumulazione al Gran Camposanto. Secondo il sindacato al momento in deposito ci sono 580 bare senza ancora una sepoltura, dato prontamente smentito dall'assessore al ramo Massimiliano Minutoli. "Ci risiamo - scrive l'esponente di giunta -  l'informatore della Uil continua a diffondere notizie prive di fondamento. Come nel primo caso in cui simili dichiarazioni sono state smentite nei fatti, anche oggi occorre precisare quanto dichiarato dal sindacato per evitare di confondere la cittadinanza.
Sono affermazioni faziose e sono pronto a confrontarmi, in qualunque momento e con carte alla mano, in merito alle azioni che questa Amministrazione ha posto in essere per
fare uscire definitivamente dalla profonda crisi in cui versava il sistema cimiteriale. Confermo - precisa l’assessore - la presenza di 436 salme in giacenza e ha riferito sull'avvio delle convocazioni dei parenti per la scelta dei 535 loculi disponibili in tutti i cimiteri e da assegnare ad altrettanti aventi diritto".

Minutoli ricorda successivamente i prossimi interventi per ricavare ancora più posti. "Sono in corso i lavori per la realizzazione di circa 5000 posti nellala nuova Piramide al Gran Camposanto, project financing consegnato da questa Amministrazione e che prevede la consegna di almeno 1000 posti entro giugno 2022. Sono in corso le attività per il recupero di circa 90 posti presso i muri N ed O ubicati nelle vicinanze del crematorio all'interno del Gran Camposanto, la cui consegna lavori è prevista per la prossima settimana. Ulteriori 100 posti verranno consegnati al servizio cimiteri entro marzo 2022 e saranno recuperati a conclusione dei lavori in corso di esecuzione lungo il muro perimetrale di via Catania.  Ma l'amministrazione non è stata inerme come qualcuno vorrebbe far credere, infatti, sono state avviate una serie di progettazioni per ampliamenti da realizzare nei vari cimiteri cittadini dotati di piano regolatore, ed è stata perfezionata, pronta per essere votata dal Giunta, la delibera di indirizzo volta ad impegnare l'ente, una volta ottenuta la copertura finanziaria ad oggi negata dalla mancata approvazione del bilancio entro i termini da parte
del Consiglio Comunale, a realizzare i progetti per manutenzioni e ampliamenti dei cimiteri cittadini per circa 3.800.00,00 euro, ripartiti in € 2000.000,00 per manutenzioni ai cimiteri
suburbani, € 1.470.000,00 per manutenzione Gran Camposanto ed € 400.000,00 per ampoliamento cimitero di Pezzolo. Se da una parte potrebbe apparire uno stato di stasi relativo alla giacenza di salme in deposito, sfugge sicuramente a chi vorrebbe screditare l'operato del servizio cimiteri, che vi è stato un incremento di ingressi salma negli ultimi mesi davvero impressionante. Basti pensare che nello stesso periodo dell'anno 2021, il numero delle salme in ingresso nel mese di gennaio si attestava a 155 mentre quest'anno ha sfiorato i 400. È chiaro, a questo punto, che se non vi fosse stata una continua attività di verifica e tumulazione di salme, i numeri delle bare in giacenza sarebbe salito alle stelle".

"Tornando alle previsioni e alle programmazioni di questa amministrazione - conclude Minutoli - in base all'avviso pubblico in corso di esecuzione, che prevede la sistemazione delle salme in giacenza e che hanno fatto ingresso da aprile  a dicembre 2021, e al successivo avviso che potrebbe già essere pubblicato immediatamente dopo la conclusione di quello in corso tenendo conto delle nuove disponibilità di posti che si otterranno con la conclusione dei lavori in esecuzione o in avvio a breve termine, la situazione è sotto controllo e non è da ritenersi allarmante come denunciato dal rappresentante sindacale della Feneal-Uil”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salme in attesa della tumulazione, "guerra" di numeri tra Uil e Comune

MessinaToday è in caricamento