rotate-mobile
Cronaca

Nuove minacce ad Antoci? Rafforzata la scorta

Le dichiarazioni in una ordinanza: "I miei parenti al 41 bis quando escono l'ammazzano"

Rafforzata la scorta all'ex presidente del parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, presidente onorario della fondazione "Antonino Caponnetto", e per i suoi familiari.

Sono state decise le zone rimozione nei luoghi ove si reca, e la strada della casa dei genitori è stata interdetta al traffico. 

Nell'ordinanza di applicazione cautelare per un indagato per mafia e estorsione è scritto che una persona, vittima dell'indagato, dall'agosto di quest'anno ha raccontato ai carabinieri dialoghi avuti con l'estorsore in cui quest'ultimo diceva che alcuni suoi parenti che erano in carcere dopo l'operazione antimafia che ha sgominato i clan dei Nebrodi, accusati anche di altri fatti di mafia e uno di loro di omicidio, non appena scontata la pena avrebbero ucciso Antoci. "A Peppe Antoci non l'hanno voluto ammazzare però quando escono i miei parenti al 41 bis l'ammazzano" avrebbe detto. L'indagato avrebbe detto di appartenere alla famiglia mafiosa dei Batanesi ed ha realmente dei parenti in carcere condannati nel novembre scorso al maxiprocesso alla mafia dei Nebrodi che vedeva 101 imputati (91 condannati e 10 assolti).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove minacce ad Antoci? Rafforzata la scorta

MessinaToday è in caricamento