Coronavirus, si scende in piazza per la scuola e la cultura: “Studenti sempre più isolati e a rischio”

Proteste e proposte dal gruppo fb “Scuola in presenza”. La manifestazione in piazza Unione Europea con numerosi interventi. Prevista anche la partecipazione di La Tona, genitori e del pediatra Conti Nibali

Una mascherina sul libro e un computer sullo sfondo. E’ l’ immagine-metafora di un disagio, ormai lungo quasi un anno, scelta dal gruppo facebook “Scuola in presenza” per annunciare la manifestazione, sabato 7 novembre alle 11 in Piazza Unione Europea, contro lo stop alla didattica in classe.

Una emergenza dentro l’emergenza che rischia di avere conseguenze gravi pari al rischio epidemico.

Ne sono convinti il gruppo di docenti del Liceo “Emilio Ainis” e i responsabili del gruppo facebook che lanciano un appello a  “tutte le lavoratrici/lavoratori e operatrici/operatori della scuola di Messina e provincia, agli studenti, ai genitori di alunni in età scolare, a coloro che lavorano in ambito culturale, a tutti i liberi cittadini”.

“Siamo consapevoli  della necessità di far fronte ad una seria emergenza sanitaria – si legge nella nota -  E per questo, nel periodo in cui abbiamo fatto lezione in presenza, abbiamo seguito senza esitare tutte le prescrizioni necessarie: mascherine, distanza interpersonale, sanificazione e così via. Lo abbiamo fatto perché siamo convinti che la didattica in presenza, anche svolta con questi obblighi e limitazioni, sia ben più efficace dal punto di vista formativo di quella a distanza. Pensiamo che “formare” gli studenti sia cosa ben più ampia e articolata di una semplice trasmissione di conoscenze – continua il comunicato -  A scuola si cerca di costruire un ambiente immersivo e coinvolgente, fatto sia di spazi fisici che di relazioni tra docenti e alunni e tra gli alunni stessi. Questo predispone le menti non solo ad accogliere nuove conoscenze, ma anche ad interrogarsi su di esse, a mettere in discussione le proprie convinzioni, a interagire con gli altri soggetti presenti. In breve, a scuola si crea uno spazio di socialità, che soprattutto per gli adolescenti ha un’importanza vitale per la costruzione e lo sviluppo della personalità e della propria identità”.

Il rischio che viene dall'isolamento

Per gli organizzatori della manifestazione “tutto questo viene meno quando si è collegati davanti al proprio schermo, isolati fisicamente dagli altri.  La possibilità delle ragazze e dei ragazzi di mettere in moto il corpo e la mente e di intrattenere relazioni significative con i loro “pari” viene severamente limitata, con grave danno per la loro crescita.  Purtroppo, nonostante il nostro sforzo di conformarci alle disposizioni contro l’epidemia, stiamo pagando delle colpe non nostre. Quelle stesse istituzioni che ora impongono a noi e ai nostri alunni di starcene a casa davanti a uno schermo sono le stesse che la scorsa estate non hanno fatto abbastanza per ampliare e rafforzare la rete dei trasporti pubblici, i principali “indiziati” dell’aumento dei contagi dall’inizio della riapertura delle scuole, dato che fino a questo momento si ha notizia certa di ben pochi casi, in relazione al totale, di contagi effettivamente verificatisi all’interno degli ambienti scolastici.  Ci chiediamo anche per quale motivo ci venga imposta la didattica a distanza laddove altri Paesi maggiormente investiti rispetto a noi dalla seconda ondata di contagi, come Francia, Germania o Regno Unito, lasciano tutti le scuole aperte, così come l’Irlanda che per tutto il resto è in confinamento pieno”.

Le regole per partecipare e gli interventi previsti

La manifestazione, autorizzata dalla Questura di Messina, si svolgerà nel pieno rispetto delle misure previste dal Governo. Si pregano tutti i partecipanti  di indossare le mascherine e di rispettare il distanziamento fisico.

Tanti gli interventi previsti, dal docente di Filosofia e promotore del gruppo fb “Scuola in presenza” Cesare Natoli,  al dirigente del Minutoli e consigliere comunale Pietro La Tona. Prevista la partecipazione del pediatra Sergio Conti Nibali ma anche di genitori come Luigi Giacobbe, presidente Consiglio d’Istituto Liceo Seguenza e dell’attrice, regista e pedagoga Cristiana Minasi.

Il gruppo di docenti che ha coinvolto in questi mesi anche genitori, professionisti, politici e studenti chiede che le istituzioni interessate, a tutti i livelli, riconsiderino, i provvedimenti che colpiscono la scuola.    

Non manca alla protesta anche la proposta

“Proponiamo che la didattica in presenza sia riportata almeno al 50% e che vengano prese misure eccezionali per aumentare l’offerta dei trasporti, specie nelle fasce orarie più interessate dall’utilizzo degli studenti. A tal fine crediamo utile coinvolgere il trasporto privato attraverso apposite convenzioni, dal momento che la crisi del turismo tiene fermo circa il 70% degli operatori e non pochi lavoratori rischiano di finire sul lastrico. Proponiamo anche che i recenti provvedimenti per assicurare a tutti gli alunni almeno un dispositivo per collegarsi alle lezioni a distanza includano anche dei bonus per connessioni wi-fi che coprano il periodo della parziale sospensione della didattica in presenza. Tali provvedimenti, se non possono eliminare del tutto gli effetti negativi della didattica a distanza, potrebbero mitigarli ed alleviare una condizione che già di per sé è fonte di disagi e di preoccupazioni non solo per il presente, ma anche per l’avvenire delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi”.

“Scuola in presenza” si rivolge anche agli operatori del teatro, della musica, del cinema e della danza anch’essi duramente colpiti dalle recenti restrizioni governative e anch’essi, analogamente a quanto avvenuto per la Scuola e agli studenti universitari “affinché rivendichino il loro diritto di essere parte di un’autentica comunità di studio, scambio e ricerca e non passivi fruitori di un sistema che li considera semplici utenti e ricettori di una mera trasmissione del sapere, priva di autenticità e condivisione scientifica”.

“Quella che noi difendiamo – spiegano - è un’idea complessiva di Cultura. Un’idea che, a fronte, ripetiamo, di una pur seria emergenza sanitaria, non può e non deve essere messa in discussione e che, anzi, va difesa con forza, soppesando nel modo il più possibile oculato, i rischi epidemici e quelli di un altrettanto preoccupante disastro educativo e culturale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

Torna su
MessinaToday è in caricamento