rotate-mobile
Cronaca

Manto erboso del Franco Scoglio in condizioni pessime, Finocchiaro: "Campo neutro è la soluzione migliore"

Il commento dell'assessore allo sport dopo la diffida della Lega Pro sulle condizioni del terreno di gioco del "Franco Scoglio". Non ci sono i tempi tecnici per un intervento risolutivo prima della pausa natalizia. Il Messina rischia di dover traslocare per affrontare il Taranto

"Se c'è un danno bisogna rimediare e mettere nuovamente a rischio l'immagine della città non ha senso". Questa la considerazione dell'assessore allo Sport Massimo Finocchiaro sulle condizioni del terreno di gioco dello stadio Franco Scoglio e sulla possibilità di disputare al suo interno anche il prossimo match casalingo con il Taranto, in programma domenica 18 dicembre. Per Finocchiaro, dopo la figuraccia a livello nazionale fatta la scorsa domenica e la diffida della Lega Pro, la strada da seguire è un'altra. "Mettiamo da parte le questioni di campanilismo - ha spiegato l'esponente di giunta - la scelta più razionale è quella di giocare in campo neutro. Serve un intervento strutturale importante per riportare l'opportuno decoro al manto erboso e non si può certo fare in poco più di dieci giorni. Si perderebbero soldi per un rattoppo che in caso di ulteriori temporali risulterebbe comunque vano".

Un disastro il manto erboso dello stadio, parte la diffida e l'interrogazione: "Chiarezza sulle responsabilità

Ed è stato proprio il maltempo a trasformare in acquitrino il campo. "Abbiamo avuto dodici giorni di pioggia - ricorda Finocchiaro - e tre partite si sono disputate al Franco Scoglio in pochi giorni. Inoltre ha piovuto anche il giorno prima della gara con il Picerno. Tutto ciò ha reso inutili gli interventi finora fatti, c'è un problema di drenaggio che va risolto. Servono tempi più lunghi anche per rispettare il ciclo naturale dell'erba. Contiamo di sfruttare la pausa natalizia per eseguire lavori a regola d'arte".

Messina-Taranto, quindi, molto probabilmente si disputerà lontano dallo stadio messinese. Un film già visto negli anni recenti, una situazione che complica ancora di più la situazione già precaria in casa Acr Messina. Tra le ipotesi c'è quella di disputare l'incontro a Vibo Valentia, impianto che già in passato ha ospitato i giallorossi, ma che al momento ospita gare di serie D. Più difficile, per motivi di ordine pubblico, il trasferimento a Catania. La gara verrebbe comunque disputata a porte chiuse. Ma tutto è ancora da decidere, nei prossimi giorni la Lega Pro potrebbe tornare con i suoi delegati in riva allo Stretto e valutare nuovamente le condizioni del terreno di gioco. Il dialogo con l'Acr Messina resta aperto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manto erboso del Franco Scoglio in condizioni pessime, Finocchiaro: "Campo neutro è la soluzione migliore"

MessinaToday è in caricamento