rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Cronaca

A Gravitelli lo scempio della gestione illecita dei rifiuti, 10 arresti

Sgominata dalle Fiamme Gialle un'associazione criminale che trattava materiale inquinante. Spesso si ricorreva a sversamenti pericolosi per l'ecosistema. Nei guai anche noti imprenditori edili. Inquinata un'area di 38mila metri quadri. L'ombra della mafia nelle attività di movimento terra

Una gestione criminale dei rifiuti che metteva a rischio l'ecosistema e la salute pubblica. Questo ha scoperto la guardia di finanza al culmine di un'intensa attività di indagine, diretta dall'Direzione Distrettuale Antimafia,  che ha portato ad arresti, misure interdittive e sequestri che riguardano anche noti imprenditori edili. Sono 25 i soggetti coinvolti dall'operazione scattata anche grazie al supporto del Reparto Operativo Aereonavale di Palermo.

Traffico illecito di rifiuti, i nomi degli indagati

In particolare, il giudice ha disposto la custodia cautelare agli arresti domiciliari per 10 persone. Scattato il sequestro preventivo di mezzi e complessi aziendali per un valore di stima pari ad oltre 2 mln di euro, l’esecuzione di 15 misure interdittive del divieto temporaneo ad esercitare attività imprenditoriale, ovvero di ricoprire uffici direttivi, nei confronti di altrettanti noti titolari di ditte e rappresentanti di società operanti nel settore dell’edilizia, clienti dell’organizzazione criminale oggi repressa e che si sono avvalsi della medesima per lo smaltimento illecito di rifiuti speciali.

La genesi dell’attività d’indagine è da rinvenirsi nel quotidiano impegno istituzionale del comparto aeronavale della Guardia di Finanza di Messina nel delicato settore del contrasto agli illeciti ambientali, risultando molteplici gli interventi in ordine all’individuazione di discariche abusive, sversamenti illeciti o usi impropri del demanio marittimo. Nel quadro di tali attività, quindi, la Stazione Navale della Guardia di Finanza di Messina individuava e segnalava alla competente Autorità Giudiziaria di Messina l’esistenza di una discarica abusiva in località Gravitelli della Città dello Stretto.

L'ombra  della mafia nei lavori di movimento terra

Sono quindi scattati ulteriori approfondimenti, in sinergia con la componente specialistica del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Messina, rilevando come i titolari delle società coinvolte nell’illecito sversamento risultassero già noti alle cronache giudiziarie, quali soggetti contigui a blasonati clan di matrice mafiosa attivi nella zona sud della città: per un verso, in ordine a rapporti parentali con collaboratori di giustizia e, soprattutto, per altro verso, perché oggetto di dichiarazioni del noto collaboratore di giustizia milazzese Biagio Grasso, colletto bianco tratto in arresto dalla Distrettuale Antimafia di Messina nel 2018, il quale indicava l’odierno capo e promotore del sodalizio indagato come personaggio di riferimento del clan Romeo-Santapaola, per l’esecuzione dei lavori di movimento terra in provincia di Messina.

Di qui, quindi, l’avvio di ben più penetranti investigazioni condotte dagli specialisti del Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria, con
l’ausilio di militari della Stazione Navale di Messina e della Sezione Operativa Navale di Milazzo, focalizzatesi, in particolare, proprio sul riscontro degli ipotizzati reati fine ambientali:
una serie indeterminata di gravissimi reati di inquinamento che hanno causato l’irrimediabile compromissione di una vasta area di terreno, sita a Messina in Contrada San Corrado - località Gravitelli, peraltro sottoposta ai vincoli previsti per i siti di interesse comunitario e le zone di protezione speciale.In particolare, nel corso delle complesse investigazioni svolte, consistite in riprese video, intercettazioni telefoniche e ambientali, articolate ricostruzioni documentali, integrate da accertamenti bancari, nonché da attività tipiche di polizia giudiziaria, è emerso come,
nonostante nei confronti degli indagati fossero già intervenute precedenti iniziative dell’Autorità Giudiziaria, gli stessi continuassero ad utilizzare, abusivamente ed indisturbati, un’area adibita a discarica abusiva, aggravando ulteriormente la portata delle condotte contestate, anche attraverso continui sconfinamenti in altre proprietà limitrofe.

Inquinata un'area di 38mila metri quadri

Più nel dettaglio, analizzando le immagini satellitari della zona, riferibili agli anni 2011 – 2019, si acquisiva prova inequivoca come lo spazio in questione risultasse significativamente
alterato e progressivamente occupato da rifiuti di diverso genere, giunti ad occupare un’area di oltre 38.000 metri quadrati.

Gli accertamenti successivi, quindi, non solo acclaravano la mancanza di qualsiasi autorizzazione a ricevere rifiuti per l’area, peraltro occupata senza alcun titolo, ma anche la
parallela assenza, da parte della società attenzionata, proprietaria dei mezzi utilizzati per le illecite attività di smaltimento, di qualsiasi comunicazione alla competente ARPA in ordine
all’utilizzo di terre e rocce da scavo.

Sul punto, nel corso delle indagini, si acquisiva un corposo materiale indiziario, connotato da
profili di gravità, relativo:
? al puntuale monitoraggio degli scarichi abusivi, eseguiti principalmente mediante l’utilizzo di mezzi intestati ad altra società cooperativa, sempre riconducibile ai
componenti dell’organizzazione;
? all’organizzazione, sistematica, con la collaborazione di altro soggetto indagato, rappresentante legale di una società avente in gestione una discarica autorizzata a
Messina, dell’illecito sversamento di materiale derivante da attività di sbancamento terra, avviata presso diversi cantieri edili cittadini;
? alla ricostruzione, nel periodo d’indagine, dell’indebito sversamento di una ingente quantità di rifiuti speciali, composti da scarti di lavori di ristrutturazione edile, chiamato in gergo “sterro”, mattonelle, laterizi, plastiche di qualsiasi genere, contenitori, buste e teli, polistirolo, cartone, cartongesso, tubi, pietrisco vario, scarifica, ruote di autovetture,
pedane di legno, parti di mobili ecc…, per un totale di circa 2.978 mc, pari a 5.333.400 kg, per un corrispondente guadagno illecito, limitatamente a quanto oggetto di puntuale ricostruzione, pari a circa 220.000 euro.

Gli accertamenti svolti, parimenti, hanno poi consentito di individuare, altresì, anche l’oggetto dei vari lavori commissionati agli associati da una nutrita cerchia di noti imprenditori edili messinesi - da qualificarsi come consolidati “clienti” - che, al fine di ridurre le spese di trasporto e smaltimento dei rifiuti da demolizione ed incrementare i propri profitti, sono risultati essersi rivolti, con carattere di sistematicità, al gruppo criminale indagato, in totale spregio delle regole e della salvaguardia ambientale.

In tal senso, plurimi i riscontri circa l’uso consapevole e la sistematica inosservanza degli obblighi di redigere i cosiddetti Formulari di Identificazione dei Rifiuti, documenti necessari ai trasporti di materiale di risulta da attività edile, in relazione ai lavori affidati.

Il torrente Portalegni a rischio

In ultima analisi, la gravità della condotta criminale accertata dalle Fiamme Gialle si rinviene proprio nel deterioramento significativo e misurabile di una estesa porzione del suolo, direttamente cagionato dai membri dell’associazione oggi tratti in arresto, aggravato dalla vicinanza della discarica abusiva scoperta al villaggio abitato Gravitelli, situato nella parte alta del torrente - oggi coperto - Portalegni, sulle colline ad ovest di Messina, a soli 2 km. dal centro cittadino.

A tale riguardo, è purtroppo circostanza nota come un’eventuale alluvione, peraltro sempre più frequente in funzione dei gravi cambiamenti climatici a cui stiamo assistendo, sarebbe
sicuramente facilitato nella sua forza distruttiva da colpevoli discariche abusive realizzate a monte di antichi torrenti, provocando - in ipotesi - fenomeni disastrosi.

L’operazione odierna testimonia l’impegno e la costante attenzione della Procura della Repubblica di Messina e della Guardia di Finanza, quale forza di polizia a competenza generale in materia economico-finanziaria, nel contrasto all’inquinamento ambientale, a beneficio della migliore qualità di vita, della salute e della sicurezza pubblica, nonché nella tolleranza zero verso gli ecocriminali, un business, quello dei rifiuti, che non conosce crisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Gravitelli lo scempio della gestione illecita dei rifiuti, 10 arresti

MessinaToday è in caricamento