Tragedia in via Nicola Fabrizi: clochard muore sotto gli occhi dei passanti

A perdere la vita un uomo di circa 50 anni che frequentava la zona insieme ai suoi cani. Sul posto la polizia e un'ambulanza

Tragedia in via Nicola Fabrizi intorno alle 13 di giovedì 28 novembre.

Un clochard della zona è morto sotto gli occhi dei passanti. L'uomo, di circa 50 anni,  si è accasciato sul marciapiede parallelo ad un ingresso secondartio del tribunale.

L'intervento dell'ambulanza è stato tempestivo, ma per il clochard non c'è stato nulla da fare.

Nell'ultimo periodo l' uomo frequentava la zona insieme ai suoi cani che lo hanno protetto anche dopo l'arrivo dei soccorsi. 

Sul posto polizia per le indagini del caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aiutate Thomas, l'hippie tedesco che sta morendo solo con i suoi cani

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia di Milazzo, i primi risultati dall'autopsia: Visalli non è morto per annegamento

  • Milazzo, secondo giorno di ricerche di Aurelio Visalli: città sotto choc

  • Si tuffano in mare a Milazzo nonostante la burrasca, ragazzi in balìa delle onde: un disperso tra i soccorritori

  • Nonno positivo al Covid, tre alunni della "Catalfamo" in quarantena

  • Giovane positivo al coronavirus, una classe in quarantena a Milazzo

  • Il coronavirus non risparmia le attività commerciali, chiuso il Caffè Boccetta: positivo un cliente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento