Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca Centro / Via Montepiselli

Montepiselli, auto in sosta selvaggia bloccano i mezzi di soccorso: gravi rischi per i residenti

Il grido d'allarme di chi da anni fa i conti con una viabilità critica. "Si rischia la tragedia, vigili del fuoco e ambulanze non possono raggiungere le abitazioni in caso di emergenza". Attesa da due anni l'installazione di dissuasori

Si rischia ogni giorno la tragedia in via Montepiselli. La strada che collega il rione alla circonvallazione è infatti ridotta a una strettoria dalle numerose auto parcheggiate in divieto di sosta.

Una situazione che crea continui intoppi alla viabilità e gravi pericoli in caso di emergenze. Accade spesso, infatti, che i mezzi di soccorso restano bloccati e solo a fatica riescono a raggiungere le abitazioni.

L'apposita segnaletica sarebbe stata rimossa da chi evidentemente preferisce la comodità del parcheggio alle basilari regole di ordine pubblico e sicurezza.

La questione ha visto in prima linea il consigliere del quarto quartiere Placido Smedile che ha più volte sollevato il problema. Nel 2018 la municipalità ha approvato una delibera con cui è stata richiesta l'installazione di dissuasori per impedire la sosta selvaggia, ma a distanza di due anni Palazzo Zanca non è ancora intervenuto. 

"E' stato fatto solo un sopralluogo - precisa Smedile - ma nessuno dell'amministrazione comunale si è poi fatto vedere. La strada in oggetto serve numerosi complessi edilizi e anche l'istituto Casa Serena. E' impensabile vedere ambulanze e camion dei vigili del fuoco intrappolati a causa delle abitudini incivili di alcune persone. L'arteria è inoltre l'unica via di fuga in caso di emergenze. La situazione è peggiorata in seguito ai lavori al torrente Bisconte con la chiusura di alcuni tratti di strada, parte del traffico infatti passa proprio per Montepiselli".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montepiselli, auto in sosta selvaggia bloccano i mezzi di soccorso: gravi rischi per i residenti

MessinaToday è in caricamento