rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca

Un'autostrada di polemiche, Toto Costruzioni: "Pronti a riprendere i lavori ma il Cas deve pagarci"

L'azienda interviene dopo lo stop al cantiere sul viadotto Ritiro. Il credito di 6 milioni di euro vantato e il bypass Baglio ultimato a gennaio ma collaudato quattro mesi dopo

Sulle autostrade messinesi sfrecciano più polemiche che auto. E il viadotto Ritiro non fa eccezione anzi è proprio il simbolo di una cronica difficoltà a portare a termine le opere pubbliche. Com'è noto il cantiere è fermo da due giorni dopo che Toto Costruzioni ha deciso di fermare gli operai intimando al Cas il pagamento di 6 milioni di euro di arretrati. Un credito tutt'altro che ininfluente a cui si somma il milione e 300mila euro anticipato dalla stessa azienda abruzzese per realizzare lo sventurato bypass Baglio. A riguardo, in una nota stampa che riportiamo di seguito, Toto Costruzioni precisa che la bretella è stata ultimata già a gennaio ma collaudata dal Cas ben quattro mesi dopo.

Il comunicato di Toto Costruzioni

"In prima battuta l’Azienda smentisce in maniera categorica ogni nesso tra la sospensione delle attività sul cantiere Ritiro e le vicissitudini citate, afferenti alla concessione delle autostrade di A24 e A25 e al relativo contenzioso con lo Stato. La sospensione dei lavori del cantiere per il Viadotto Ritiro a Messina è stata una scelta obbligata dalle continue e reiterate inadempienze del CAS, sia sul versante tecnico, sia su quello economico. Il persistente stallo del Consorzio per quanto riguarda i pagamenti, per la Toto fermi dal luglio 2022, è un elemento comune riscontrabile presso altri appalti gestiti dal medesimo committente, riscontrabile dalla stampa e dalle dichiarazioni delle Parti Sociali.

Occorre, a questo proposito, fare chiarezza sul credito che vantiamo e che confermiamo ammontare a circa 6 milioni di euro. In tale importo sono compresi 3 milioni di euro previsti dal Decreto Aiuti come compensazioni per il caro materiali. Nel corso degli anni Toto Costruzioni ha chiesto ripetutamente l’effettiva disponibilità delle somme, non ancora fatturate nonostante il tempo intercorso e l’aggravio dei costi dei materiali interamente assorbiti dall’azienda. A questi si sommano circa 1,5 milioni di euro maturati e fatturati per lavori e crediti di appalto, non saldati, taluni risalenti persino al 2021.

Si specifica che lo stesso bypass Baglio, un’opera fondamentale per alleggerire il traffico su Messina, è stato progettato, realizzato ed aperto al traffico con fondi interamente anticipati da Toto Costruzioni Generali che, nonostante le inadempienze del committente, ha ritenuto di non penalizzare per questo la viabilità urbana per altri mesi e completarlo nella sua interezza. L’opera, non prevista nel progetto iniziale, ha un valore netto di 1,3 mln di euro ed è stata ultimata il 10 gennaio scorso ma il collaudo, completato con incredibile ritardo del Cas dopo 4 mesi, ha conseguentemente allungato i tempi e non ha permesso alla Toto di proseguire le altre lavorazioni di contratto. Un tempo irragionevolmente lungo, che ha condannato Messina a rimanere bloccata da situazioni di traffico al limite della gestibilità.

Si evidenzia che anche il Collegio Tecnico Consultivo nel dispositivo del 9 maggio ha determinato il valore dovuto alla Toto ed ha imposto alla committenza di provvedere al saldo con tempestività.

In riferimento, inoltre, alle irregolarità registrate nel DURC, confermiamo che la problematica è in via di risoluzione e che non si può escludere che i sistematici ritardi dei pagamenti del CAS possano aver contribuito all’accumulo della tensione finanziaria, ulteriormente aggravata dall’impennata dei costi delle materie prime.Toto Costruzioni Generali non intende lasciare un’opera incompiuta, si è trovata costretta ad interrompere le lavorazioni, non avendo certezza delle coperture economiche finanziarie anche in riferimento al complessivo importo dovuto per effetto delle somme già maturate, ivi comprese quelle riguardanti le compensazioni previste dal Decreto Aiuti.

TCG ribadisce il presidio del cantiere e che sta ottemperando a tutte le richieste sulla segnaletica pervenute dal Prefetto, così come conferma la massima disponibilità per la gestione di eventuali criticità, nel rispetto della città di Messina.

La stessa azienda è assolutamente pronta a riprendere l’attività cantieristica e concludere l’opera nel più breve tempo possibile, qualora il Cas regolarizzi la propria posizione e dia evidenza della disponibilità delle somme necessarie per completarli. Toto Costruzioni esprime infine la massima solidarietà nei confronti della cittadinanza e dei lavoratori coinvolti, loro malgrado, da questa spiacevole situazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un'autostrada di polemiche, Toto Costruzioni: "Pronti a riprendere i lavori ma il Cas deve pagarci"

MessinaToday è in caricamento