Economia

Coldiretti Sicilia: "La Ue vuole togliere l'alcol dal vino e aggiungere acqua"

L'associazione di rappresentanza e assistenza dell'agricoltura italiana commenta i contenuti del documento della presidenza del Consiglio dei ministri dell'Unione europea in cui viene affrontata la pratica della dealcolazione parziale e totale dei vini

"Togliere l’alcol dal vino ed aggiungere acqua è l’ultima trovata di Bruxelles per il settore enologico già sotto attacco con la proposta di introdurre etichette allarmistiche per scoraggiarne il consumo previste nella Comunicazione sul Piano d’azione per migliorare la salute dei cittadini europei. Si tratta di un paradosso insostenibile". Lo afferma Coldiretti Sicilia commentando i contenuti del documento della Presidenza del Consiglio dei Ministri Ue in cui viene affrontata la pratica della dealcolazione parziale e totale dei vini. La proposta prevede di autorizzare nell’ambito delle pratiche enologiche l’eliminazione totale o parziale dell’alcol con la possibilità di aggiungere acqua anche nei vini a denominazione di origine.

"In questo modo viene permesso ancora di chiamare vino, un prodotto – sottolinea   Coldiretti Sicilia – in cui sono state del tutto compromesse le caratteristiche di naturalità per effetto di trattamento invasivo che interviene nel secolare processo di trasformazione dell’uva in mosto e quindi in vino. Un inganno legalizzato per i consumatori che si ritrovano a pagare l’acqua come il vino e che provocherebbe danni enormi ad un comparto che rappresenta il fiore all’occhietto per tutta la Sicilia".     

"La proposta di aggiungere acqua nel vino è solo l’ultimo degli inganno autorizza i dall’Unione Europea che già consente l’aggiunta dello zucchero nei paesi del Nord Europa per aumentare la gradazione del vino mentre lo zuccheraggio è sempre stato vietato nei paesi del Mediterraneo e in Italia, che ha combattuto una battaglia per impedire un "trucco di cantina" e per affermare definitivamente la definizione di vino quale prodotto interamente ottenuto dall’uva. Ma Bruxelles ha dato anche il via libera al vino "senza uva" ovvero ottenuto dalla fermentazione di frutta, dai lamponi al ribes – conclude Coldiretti Sicilia - . Una pratica enologica che altera la natura stessa del vino che storicamente e tradizionalmente è solo quello interamente ottenuto dall’uva".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coldiretti Sicilia: "La Ue vuole togliere l'alcol dal vino e aggiungere acqua"

MessinaToday è in caricamento